In lotta contro lo stato di polizia globale

Autrice
Dawn Marie Paley


In lotta contro lo stato di polizia globale che sta emergendo in risposta alle rivolte dei poveri e della classe operaia in tutto il mondo. Il nuovo libro di William I. Robinson rivela la sua architettura.


In lotta contro lo stato di polizia
Photo by Jakob Rosen on Unsplash

Il nuovo libro di William I. Robinson The Global Police State è una riflessione cruciale su potere, capitalismo e guerra a livello globale. Allo stesso tempo, fornisce ai lettori una prospettiva sul potere della polizia negli Stati Uniti. In particolare sulla scia delle proteste e delle manifestazioni della scorsa estate per le vite nere e contro la supremazia bianca e la violenza della polizia negli Stati Uniti e oltre.

La rivolta, andata avanti per mesi nelle città e nei paesi di tutti gli Stati Uniti dopo l’uccisione da parte della polizia di George Floyd a Minneapolis, è stata il più grande movimento popolare nella storia del paese.

Pubblicato nell’agosto dell’anno scorso, mentre le manifestazioni entravano nel loro terzo mese, The Global Police State fornisce una panoramica accessibile e compatta della repressione e dell’espansione corporativa nella polizia e nella sorveglianza.

The Global Police State di William I. Robinson è pubblicato ora da Pluto Press. Lungi dall’offrire soluzioni riformiste a quella che l’autore descrive come una «crisi dell’umanità», il libro è effettivamente un trattato contro il capitalismo e il potere centralizzato.

Il concetto di stato di polizia globale, secondo Robinson, prende in considerazione tre aspetti.

  • Il primo sono gli «onnipresenti sistemi di controllo sociale di massa, repressione e guerra promossi dai gruppi al potere per contenere la ribellione reale e potenziale della classe operaia globale e dell’umanità in eccesso».
  • Il secondo è quello che Robinson chiama «accumulazione militarizzata o accumulazione attraverso la repressione”». Si riferisce al guadagno capitalistico da realizzare attraverso la partecipazione a una «vera e propria economia di guerra globale». Uno dei punti di forza del libro è la capacità dell’autore di zoomare dentro e fuori i disordini, la repressione della polizia e la militarizzazione in diverse parti del mondo.
  • Infine, c’è “il crescente movimento verso sistemi politici che possono essere caratterizzati come il fascismo del 21° secolo, o anche in un senso più ampio, come totalitario”. Di cui, naturalmente, Trump e il brasiliano Jair Bolsonaro sono esempi.

UNA VISIONE SFUMATA DEL RUOLO DELLA SINISTRA

La scrittura di Robinson è concisa, i suoi esempi concreti e i suoi progressi teorici si basano su anni di ricerca personale. Robinson, cresciuto politicamente grazie agli attivisti per la libertà africani nel periodo successivo alle lotte per l’indipendenza, è un veterano della teoria della globalizzazione critica con un collegamento diretto ai movimenti sociali.

L’autore ha dedicato gran parte degli anni ’90 a portare avanti una critica strutturale del capitalismo globale. Ha evidenziato le differenze nel passaggio dal capitalismo mondiale, andato in declino negli anni ’70. L’ascesa delle corporazioni transnazionali e dei conglomerati aziendali globali ha definito questo cambiamento.

Il lavoro di Robinson in America Latina, in particolare in Nicaragua, informa sulla sintesi potente e sofisticata dei vincoli strutturali che affrontano i partiti di sinistra che sono arrivati a governare nell’emisfero.

Mentre scrive che “questi governi hanno sfidato e persino invertito alcune delle componenti più evidenti del programma neoliberale… retorica di sinistra a parte, i governi della marea rosa hanno basato la loro strategia su una vasta espansione della produzione di materie prime in collaborazione con contingenti stranieri e locali della [classe capitalista transnazionale]”.

Queste riflessioni sono, in un certo senso, una chiara richiesta di visione sfumata del ruolo della sinistra, in America Latina e oltre. «È emersa un’evidente disgiunzione in tutta l’America Latina – sintomatica del fenomeno mondiale della sinistra – tra i movimenti sociali di massa che sono in questo momento risorgenti, e la sinistra istituzionale dei partiti che ha perso la capacità di mediare tra le masse e lo stato con un proprio progetto realizzabile», scrive Robinson.

L’ATTUALE CRISI DEL CAPITALE

Nel complesso, lo stato globale di polizia è un vero pugno distopico. Robinson delinea la sua teoria del capitalismo globale e della globalizzazione e poi approfondisce gli aspetti chiave dell’attuale crisi del capitale. Questo lavoro teorico è necessario, egli sostiene. Perché lo stato di polizia globale è emerso in gran parte in risposta alle rivolte guidate dai poveri e dalla classe operaia in tutto il mondo.

Robinson sviluppa poi la sua nozione di accumulazione militarizzata, che “apre coercitivamente opportunità di accumulazione di capitale in tutto il mondo”.

Infine, delinea la continua “minaccia del fascismo del ventunesimo secolo e il progetto di riforma globale per salvare il capitalismo da se stesso”. Il suo rifiuto di partecipare al liberalismo del benessere è una partenza rinfrescante da molti commenti statunitensi sulla presidenza Trump.

Il marxismo gioca un ruolo centrale nella sua analisi politica. Spiega l’attuale rilevanza della teorizzazione del capitalismo di Marx in un modo che sembra allo stesso tempo autorevole e accessibile.

In tutto The Global Police State, Robinson si appoggia a rapporti ufficiali e statistiche, senza mai rimuovere le sue considerazioni teoriche dal capitalismo realmente esistente. I capitoli sulla sorveglianza digitale e la partecipazione dell’industria tecnologica alla “guerra agli immigrati” sono devastanti. Descrive come i produttori di armi, insieme alle aziende tecnologiche tra cui Amazon, IBM e Zoom, collaborano con ICE e DHS. Hanno trovato il modo di trarre profitto dal razzismo sanzionato dallo stato, dalla violenza, dalla deportazione e dalle detenzioni di persone senza documenti.

In lotta contro lo stato di polizia
Photo by Joseph Ngabo on Unsplash

CAPIRE L’ARCHITETTURA DELLA REPRESSIONE

Mentre leggevo, non ho potuto resistere a contattare Robinson per chiedere un aggiornamento, e su ciò che ha visto nelle strade la scorsa estate.

«Ho assistito alla brutale violenza della polizia. Ho anche sentito palpabilmente il desiderio di cambiamento radicale della vostra gente mentre rischiava la vita e l’incolumità nelle strade», mi ha risposto. «L’insurrezione antirazzista sulla scia dell’omicidio di George Floyd da parte della polizia è stata la prima rivolta su larga scala negli Stati Uniti contro lo stato globale di polizia».

In una recente intervista su Democracy Now, Ash-Lee Woodard Henderson, co-direttore esecutivo dell’Highlander Research and Education Center, ha detto alla conduttrice Amy Goodman

«…Lotteremo per assicurarci che quando parliamo di – quando il Movimento per le Vite Nere parla di “smilitarizzare” la polizia, che stiamo parlando di tutta la polizia, incluso l’ICE e le pattuglie doganali e di confine; quando parliamo di abolire le prigioni, che stiamo parlando di tutte, inclusi i centri di detenzione; e quando parliamo di Black Lives Matter, stiamo parlando di tutte le vite nere, incluse quelle della nostra gente che è in questo paese senza documenti».

In lotta contro lo stato di polizia
Photo by Erick Zajac on Unsplash

Le connessioni e le lotte che Woodard Henderson nomina indicano un orizzonte futuro in cui si solleveranno di nuovo movimenti ampi e potenti, per la “smilitarizzazione” della polizia, l’abolizione delle prigioni e la fine della supremazia bianca.

In questo contesto, The Global Police State è una risorsa preziosa per i lettori per familiarizzare con l’architettura teorica della repressione e del capitalismo. Ma anche per navigare meglio (ed evitare) le acque torbide del riformismo e delle vane promesse.


Dawn Marie Paley

In lotta contro lo stato di polizia

Dawn Marie Paley è una giornalista e autrice di Drug War Capitalism (AK Press 2014) e Guerra Neoliberal: Desaparición y búsqueda en el norte de México (Libertad Bajo Palabra 2020). Seguila su Twitter.


Fonte: Roar Magazine, 27 marzo 2021

Traduzione a cura della redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.