I manifestanti del Myanmar hanno ottenuto vittorie significative e ora è il momento di raddoppiare la resistenza nonviolenta

print

Autrice
Maria J. Stephan


Photo by Macau Photo Agency on Unsplash

Il brutale attacco dell’esercito contro i manifestanti pacifici ha comprensibilmente scatenato richieste di insurrezione armata. Ma una tale mossa potrebbe far tornare indietro il movimento e visto che I manifestanti del Myanmar hanno ottenuto vittorie significative e ora è il momento di raddoppiare la resistenza nonviolenta.


Dal 1° febbraio, quando la leadership militare Tatmadaw ha lanciato un colpo di stato contro il governo democraticamente eletto, il popolo del Myanmar ha condotto una notevole campagna di resistenza civile per ripristinare la democrazia. Quasi ogni segmento della popolazione, comprese le giovani donne, i dipendenti pubblici, i lavoratori dei trasporti, i banchieri, i membri del sangha buddista, e anche alcuni membri della polizia e delle forze di sicurezza hanno scioperato o disertato all’opposizione per fare pressione sulla giunta.

I giovani birmani esperti di tecnologia hanno mobilitato la resistenza online e offline. Escogitando tattiche creative e messaggi intelligenti per eludere la censura e diffondere il dissenso. La portata e la profondità di quello che gli organizzatori chiamano il Movimento di Disobbedienza Civile, o CDM, sono state stupefacenti. E si è formato molto rapidamente. Dopo tutto, la resistenza non è nuova per il popolo birmano. Le loro richieste di democrazia fanno parte della loro storia e della loro cultura tanto quanto la repressione che stanno ancora una volta affrontando nelle strade.

Embed from Getty Images

I democratici birmani hanno pagato un prezzo per la loro resistenza. Almeno 275 persone sono state uccise e 2.812 sono state arrestate dopo il colpo di stato, secondo l’Associazione di assistenza ai prigionieri politici, un’organizzazione per i diritti umani focalizzata sul Myanmar. L’attacco brutale dei militari contro i manifestanti pacifici ha spinto il movimento pro-democrazia a prendere le armi contro la brutale dittatura militare. Questo è comprensibile. Quando si è testimoni di amici, familiari e persone care che vengono assassinati o torturati, e quando si sente che la propria lotta viene ignorata dal resto del mondo, è naturale voler combattere la violenza con la violenza.

L’antidoto più efficace alla dittatura è la resistenza nonviolenta organizzata e disciplinata, compresa la non cooperazione di massa.

Strategicamente, tuttavia, rivolgersi a tattiche di insurrezione armata per resistere al colpo di stato potrebbe ritorcersi contro in modi disastrosi. Alcuni studi hanno dimostrato che mescolare la resistenza violenta e nonviolenta in genere porta a risposte di regime ancora più brutali, con un conseguente aumento delle vittime dei manifestanti, una minore partecipazione alla resistenza e un livello inferiore di defezioni delle forze di sicurezza. Non dovrebbe sorprendere che i governi investano pesantemente nel fomentare la violenza all’interno dei movimenti di opposizione.

I regimi repressivi hanno bisogno della violenza per giustificare la loro stretta al potere e la loro pretesa di difendere la “legge e l’ordine”. Il Tatmadaw non farebbe eccezione. Soprattutto perché le crescenti sanzioni e le forti dichiarazioni di condanna da parte delle nazioni dimostrano che la giunta ha giudicato male quanto il mondo si sarebbe preoccupato. Quando si trovano ad affrontare la pressione, è probabile che escano allo scoperto – e in questo caso, contro il loro stesso popolo.

L’antidoto più efficace alla dittatura è la resistenza nonviolenta organizzata e disciplinata, compresa la non cooperazione di massa. Questo tipo di lotta è più probabile che attragga e sostenga una partecipazione di massa e diversificata (anche dalle élite religiose e commerciali che possono aver sostenuto la giunta all’inizio della lotta), incoraggi l’innovazione tattica e la creatività (di cui i birmani non mancano), spingere la polizia e le forze militari ad unirsi alla resistenza (come quello che abbiamo visto durante il movimento di potere popolare del 1983-86 nelle Filippine, quando intere unità disertarono dalla parte dell’opposizione democratica), e portare alla pressione internazionale sul regime (anche all’interno dell’Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico, o ASEAN, che è attualmente divisa).

La resistenza nonviolenta è anche più appetibile per le nazioni donatrici. Gli Stati Uniti e altre nazioni influenti che sostengono i movimenti democratici possono giustificare l’invio di telefoni cellulari e denaro ai manifestanti, ma avrebbero (giustamente) difficoltà a tagliare la burocrazia e la politica per inviare armi ad attivisti non addestrati.


Embed from Getty Images

Le campagne nonviolente di massa hanno 46 volte più probabilità di successo quando ci sono defezioni diffuse dalle forze di sicurezza. Le defezioni sono molto più probabili nel contesto delle campagne nonviolente rispetto alle lotte armate. Nel frattempo, la partecipazione di massa delle donne e quella degli anziani e dei disabili spesso diminuiscono significativamente una volta che i movimenti di opposizione prendono le armi. Poiché una forte partecipazione delle donne è correlata al successo delle campagne nonviolente, questo è molto problematico per i movimenti di resistenza. Le donne in Myanmar sono state in prima linea a guidare la carica per la democrazia, mettendosi a grande rischio. Il loro coraggio e la loro audacia sono – in parte – destinati a far vergognare le azioni della giunta. Sta funzionando, ma ci vorrà del tempo.

Il CDM ha ottenuto vittorie significative in un periodo di tempo molto breve. La portata e la scala della partecipazione ai boicottaggi, agli scioperi, alle dimostrazioni, alle canzoni e alla resistenza dei tatuaggi, e ad altri atti di disobbedienza civile e di non cooperazione sono stati significativi. L’intensità della macchina propagandistica della giunta è la prova dell’efficacia del movimento. Così come la crescente pressione della comunità internazionale.

L’idea che imbracciare le armi accelererà il cammino verso la vittoria non è confermata dalla ricerca.

Il 10 marzo, il Consiglio di sicurezza dell’ONU ha approvato una risoluzione che condanna la violenza contro i manifestanti pacifici in Myanmar. Si impegna a “continuare a sostenere la transizione democratica” nel paese. Gli Stati Uniti, l’Unione europea, il Canada e il Regno Unito hanno imposto sanzioni mirate sui funzionari della giunta, le loro famiglie e le imprese di proprietà dei militari. I vicini del sud-est asiatico del Myanmar, tipicamente riluttanti a parlare degli affari interni di altri governi, hanno preso posizione.

L’Indonesia e la Malesia hanno entrambi condannato la violenza contro civili disarmati, mentre Singapore ha espresso disapprovazione per la risposta dell’esercito. L’Indonesia e il Brunei hanno chiesto una riunione speciale dell’ASEAN per affrontare la crisi. Diverse nazioni asiatiche stanno rifiutando di partecipare alla storica Giornata delle Forze Armate del Myanmar. Nel frattempo, un crescente sforzo di solidarietà internazionale, guidato dalla Milk Tea Alliance, un’alleanza interasiatica di attivisti, ha visto persone in tutto il mondo fotografarsi mentre fanno il saluto a tre dita di Hunger Games a sostegno del movimento pro-democrazia del Myanmar.

È sempre difficile prevedere la durata delle rivolte popolari, e questo rende particolarmente difficile incoraggiare i manifestanti a mantenere la rotta. Mentre un certo numero di campagne storiche anti-golpe, tra cui la resistenza al colpo di stato militare argentino del 1987 e la resistenza popolare al tentativo di colpo di stato in Burkina Faso nel 2015 sono finite in pochi giorni, il contesto in Myanmar è molto diverso. Il popolo del Myanmar sta affrontando una dittatura militare che è al potere da decenni. In media, le grandi campagne nonviolente contro i regimi dittatoriali hanno impiegato tre anni per fare il loro corso. Le campagne violente, in confronto, sono durate in media nove anni. L’idea che imbracciare le armi acceleri il percorso verso la vittoria non è confermata dalla ricerca.

Per quanto possa essere difficile, in particolare in un momento in cui le forze di sicurezza stanno usando il fuoco vivo contro i manifestanti disarmati, gli organizzatori birmani pro-democrazia dovrebbero prepararsi mentalmente, strategicamente, organizzativamente e tatticamente a condurre una campagna sostenuta di resistenza civile contro la giunta.

Molti attivisti del Myanmar sono in fuga, il che rende difficile la pianificazione e il coordinamento. Con il sostegno della diaspora e di altri attori esterni, i leader pro-democrazia del Myanmar dovrebbero trovare il modo di convocare e pianificare campagne che mirano alle vulnerabilità della giunta ed evitare di giocare sui loro punti di forza. Le campagne nonviolente di successo hanno tipicamente alternato tra metodi di concentrazione, come raduni, sit-in e blocchi, che possono essere potenti ma rendono le persone altamente vulnerabili alla repressione, e metodi di dispersione come i boicottaggi dei consumatori, gli scioperi e le permanenze a casa, che possono paralizzare la burocrazia e l’economia mentre causano alle forze di sicurezza di sovraesporsi, rendendo molto difficile sostenere la repressione a tempo indeterminato.

Naturalmente, il CDM ha usato tutte queste tattiche – in modo molto impressionante. Ora è il momento di raddoppiare la pianificazione strategica a lungo termine investendo nell’infrastruttura organizzativa per rendere possibile una resistenza sostenuta. L’International Center on Nonviolent Conflict ha una serie di articoli e risorse di formazione sull’azione nonviolenta strategica, tradotti in birmano, che potrebbero sostenere questo sforzo.

I leader pro-democrazia dovrebbero essere molto specifici sui tipi di sostegno esterno di cui hanno bisogno, come lo sono state queste attiviste del Myanmar. I governi, le organizzazioni multilaterali, le organizzazioni non governative e i gruppi di solidarietà dovrebbero coordinare strettamente le loro attività con i leader pro-democrazia.

I diplomatici delle ambasciate democratiche in Myanmar possono usare la loro immunità per essere fisicamente solidali con i manifestanti e scoraggiare la violenza contro di loro. Possono sostenere sforzi di mediazione silenziosi per aiutare a prevenire e mitigare la violenza. Possono trasmettere su internet se necessario e negoziare un porto sicuro anche con paesi terzi per gli attivisti particolarmente a rischio. Il settore privato, in particolare nell’industria del gas e del petrolio, può disinvestire dalle aziende i cui ricavi stanno riempiendo le tasche della giunta e permettendo la sua repressione. Le compagnie di telecomunicazioni possono assicurare che internet rimanga libero da sorveglianza, censura e black out. I movimenti dei cittadini possono generare pressione su queste aziende per fare la cosa giusta. 

In un momento in cui la lotta per la democrazia in Myanmar potrebbe sembrare senza speranza, è importante riflettere sulle vittorie che la resistenza civile ha ottenuto nel paese negli ultimi due mesi. E investire nelle strategie, capacità e infrastrutture organizzative di cui il movimento birmano pro-democrazia ha bisogno per spingere il paese verso un nuovo futuro democratico.

Questo probabilmente richiederà una combinazione di resistenza di massa e abili negoziati con diverse parti del Tatmadaw, che a un certo punto potrebbe cercare una via d’uscita dal conflitto per salvare la faccia. Nel frattempo, gli attivisti dovrebbero sapere che hanno molti ammiratori che li sostengono dall’esterno.


Maria J. Stephan

I manifestanti del Myanmar hanno ottenuto vittorie

Maria J. Stephan è la co-autrice di “Why Civil Resistance Works: The Strategic Logic of Nonviolent Conflict,” “Bolstering Democracy: Lessons Learned and the Path Forward,” e “Is Authoritarianism Staging a Comeback?”. Seguitela su Twitter @MariaJStephan.


Fonte: Waging Nonviolence, 24 marzo 2021

Traduzione a cura della redazione


Altro da Maria J. Stephan

Dobbiamo prepararci alla violenza insurrezionale in corso e affrontarne le cause profonde

Ecco una formula collaudata per proteggere il voto e mantenere la pace

Perché il sostegno ai combattenti nonviolenti della Siria è la chiave per porre fine alla guerra