I cellulari provocano il cancro? Negli Stati Uniti a giudizio gestori e produttori

Autore
Arthur Firstenberg


I cellulari provocano il cancro

Nel 2001 e nel 2002, Michael Patrick Murray e altre 5 persone – tutti con tumori cerebrali situati sotto il punto in cui avevano tenuto i loro telefoni cellulari – hanno citato in giudizio l’industria delle telecomunicazioni per danni. Nel 2010 e nel 2011, altre 7 vittime di cancro al cervello si sono unite al caso come ulteriori querelanti. I cellulari provocano il cancro?

Gli imputati rappresentano la maggior parte dell’industria delle telecomunicazioni americana: Verizon, Sprint, AT&T, T-Mobile, Bell South, Bell Atlantic, Motorola, Qualcomm, Samsung, SONY, Sanyo, Nokia, CTIA, FCC e dozzine di altre società di telecomunicazioni.

Attraverso ampie tattiche di manovra e dilazione da parte degli imputati, questo importante caso è rimbalzato avanti e indietro da un tribunale all’altro per vent’anni come una pallina da ping pong: dalla Corte Superiore DC, alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto della Columbia, alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto del Maryland, di nuovo alla Corte Superiore DC, fino alla Corte d’Appello DC, di nuovo alla Corte Superiore poi alla Corte d’Appello DC, e di nuovo alla Corte Superiore DC.
 Nella prossima estate, nonostante il fatto che molti dei querelanti non siano più vivi, il processo Murray contro Motorola andrà finalmente in tribunale. I testimoni esperti parleranno davanti al giudice Alfred S. Irving dal 12 al 23 luglio 2021. Se il giudice stabilisce che i testimoni sono qualificati, in seguito testimonieranno davanti a una giuria.

I testimoni per i querelanti includono:

  • Igor Belyaev, capo ricercatore presso l’Istituto di ricerca sul cancro, Accademia slovacca delle scienze
  • Michael Kundi, professore presso l’Università di Medicina di Vienna ed ex direttore del suo Institute of Environmental Health
  • Abraham Liboff, professore emerito di fisica presso la Oakland University di Rochester, Michigan
  • Wilhelm Mosgoeller, professore associato presso l’Istituto di ricerca sul cancro dell’Università di medicina di Vienna
  • Dimitris Panagopoulos, fondatore del Laboratorio di biofisica delle radiazioni presso l’Università di Atene
  • Laura Plunkett, tossicologa e consulente principale presso Integrative Biostrategies a Houston, Texas
  • Christopher Portier, Senior Advisor del Programma Ambientale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ed ex Direttore del National Center for Environmental Health presso i Centers for Disease Control

Il rapporto di Christopher Portier è stato presentato alla corte il 1° marzo 2020.

Inizio della guarigione

Il caso Murray, che è rimasto nel dimenticatoio, ci mette di fronte a una questione che tutti i giudici, i tribunali, le società di telecomunicazioni e il pubblico sono riusciti a evitare per due decenni. Ma la testimonianza che ascolteremo a luglio dai più eminenti esperti mondiali si concentrerà direttamente su questo: cosa stanno facendo i cellulari nelle nostre mani al nostro corpo e al mondo che ci circonda?

La nostra attenzione sui ripetitori l’ha distolta da dove doveva essere?

Esistono circa 14 miliardi di dispositivi mobili nel mondo, ciascuno che emette fino a 2 watt di radiazioni a microonde, per una potenza di emissione combinata di circa 28 miliardi di watt.

Al di fuori della Cina, ci sono circa 3 milioni di torri cellulari 4G nel mondo, ciascuna delle quali emette fino a poche centinaia di watt di radiazioni a microonde, per una potenza di emissione combinata di forse 1 miliardo di watt. In Cina, ci sono 6 milioni di ripetitori 4G in più, per ulteriori 1-2 miliardi di watt.

Da dove proviene la maggior parte delle radiazioni, dai telefoni cellulari o dai ripetitori? Quali sono più responsabili dell’uccisione di uccelli e api, telefoni cellulari o ripetitori? Quando misuri i livelli di radiazione nel luogo in cui vivi, cosa stai misurando principalmente, i molti telefoni intorno a te o il minor numero di ripetitori? Dipende da dove vivi.

La più grande differenza tra telefoni e ripetitori è che i telefoni irradiano allo stesso modo in tutte le direzioni, mentre le torri concentrano la maggior parte delle loro radiazioni sul terreno. Questo può moltiplicare la potenza effettiva di un ripetitore a terra per un fattore di 30 o più. Ma anche questo non basta per aumentare i livelli medi di radiazione sulla maggior parte della terra da tutti i ripetitori oltre i livelli medi di radiazione da tutti i telefoni cellulari. E in alto nell’aria, sopra i tralicci  dei ripetitori, uccelli e insetti possono ricevere più radiazioni dai telefoni che dai ripetitori.

I telefoni cellulari, come sentiremo a luglio, danneggiano il DNA, alterano la struttura delle proteine, influenzano la crescita cellulare, danneggiano lo sperma, provocano aborti spontanei, interferiscono con la memoria e l’apprendimento, danneggiano la barriera emato-encefalica, alterano le onde cerebrali, disturbano il sonno, influenzano il sistema immunitario, alterano il metabolismo, interferiscono con lo sviluppo, danneggiano i tessuti e gli organi e provocano il cancro. Allora, cosa stanno facendo tutti i telefoni cellulari al nostro mondo?

Ma le antenne sulle torri sono molto più grandi dei telefoni, potreste dire. Le dimensioni non c’entrano niente. Le dimensioni più grandi consentono principalmente al ripetitore di focalizzare il suo raggio lungo il terreno invece che in aria.

Ma le torri sono sempre attive, si può dire, e i telefoni no. Falso. Se tutti i telefoni fossero spenti, un ripetitore emetterebbe solo l’energia necessaria per essere localizzato dai telefoni. E anche quando pensi che il tuo telefono sia completamente spento, i circuiti risonanti al suo interno sono ancora collegati alla batteria e stanno ancora influenzando lo spazio intorno.

Ma il tuo telefono emette solo una frequenza, potresti dire, mentre il ripetitore ne emette centinaia. Sì, ma  emette centinaia di frequenze quando centinaia di telefoni comunicano con il ripetitore. La radiazione combinata e il numero combinato di frequenze sono ancora più o meno gli stessi da tutti i telefoni e da tutti i ripetitori.

Cosa fa ammalare le persone e fa più danni alla terra? I telefoni? O i ripetitori?

Abbiamo tutti avuto l’esperienza che più siamo in alto, più radiazioni percepiamo. Ciò è in parte dovuto al fatto che ci sono ripetitori sulle cime delle colline e delle montagne. Ma è anche dovuto alle torri radio e alle stazioni radar, che non concentrano la loro energia sul terreno. Radar meteorologici, radar per il controllo del traffico aereo e radar della protezione civile. Stanno tutti proliferando e aumentando in potenza e raffinatezza, e stanno tutti aiutando a distruggere la Terra. Anche i ripetitori per i cellulari stanno contribuendo, ma è un errore incolpare le torri cellulari mentre si tiene in mano un telefono cellulare o se ne tiene uno in casa.

Solo 25 anni fa, l’essere umano medio non danneggiava altre specie, o altri esseri umani, quando faceva una passeggiata. Oggi, ogni essere umano è una fonte di radiazioni ovunque vada.

Ho limitato questa discussione al 4G, perché il 5G sta cambiando il quadro, ma non lo sta cambiando tanto quanto si potrebbe pensare. Con il 5G, sia i ripetitori che i telefoni irraggeranno gli uni contro gli altri. Ciò aumenterà ulteriormente – più di 10 volte – l’effettiva potenza di ripetitori e telefoni, se ti trovi nel loro raggio. Ma significa anche che una persona che utilizza un telefono cellulare sarà ancora più pericolosa di prima per qualsiasi persona o animale nelle immediate vicinanze e per qualsiasi uccello o insetto che voli tra il telefono e il ripetitore. E poiché ci sono miliardi di telefoni sulla Terra, guai a qualsiasi creatura che voglia ancora volare in aria; non perché i ripetitori emetteranno radiazioni in ogni momento, ma perché ci sono così tanti telefoni cellulari su cui puntare i loro raggi.

La defunta Pelda Levey, cofondatrice della Cellular Phone Task Force, ha raccontato questa barzelletta sui telefoni cellulari: «Ho sia buone notizie che cattive notizie sui telefoni cellulari. La cattiva notizia è che un telefono cellulare può darti un tumore al cervello. La buona notizia è che se senti che sta arrivando, puoi sempre chiamare il 911».

Chiamare i servizi di emergenza non salverà la Terra. Gettare via il tuo cellulare semplicemente potrebbe. Potrebbe iniziare la guarigione.


Arthur Firstenberg
Author, The Invisible Rainbow: A History of Electricity and Life
P.O. Box 6216
Santa Fe, NM 87502 – USA
 phone: +1 505-471-0129
[email protected]
March 17, 2020


Fonte: https://www.cellphonetaskforce.org/wp-content/uploads/2021/03/Beginning-the-Healing.pdf
Traduzione di Cinzia Picchioni per il Centro Studi Sereno Regis


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.