La non violenza come riforma della religiosità cristiana | Segnalazione redazionale

Antonino Drago, La non violenza come riforma della religiosità cristiana, Aracne, Canterano (RM) 2020, pp. 376. € 25,00

A più di cento anni dalla nascita della non violenza, intesa come «arma spirituale» applicata alle lotte sociali (Johannesburg, 11 settembre 1909), e a più di cinquant’anni dalla sua riproposizione nelle Chiese cristiane, da parte di maestri come Lanza del Vasto, Jean e Hildegard Goss, Martin Luther King, Don Milani, il libro vuole ripercorrerne uno degli aspetti maggiormente innovativi: quello che si propone come rinnovamento radicale della vita spirituale e sociale, al punto da suggerire la nascita di una nuova dottrina sociale cattolica, capace di affrontare i massimi conflitti.

Di fronte a un genere umano che, con gli attuali mezzi della scienza e della tecnologia, rischia di convincersi di poter essere pienamente padrone di se stesso e di tutto l’ambiente circostante, questa riforma permette al credente di avvicinarsi a un’età spirituale adulta, fornendogli la piena coscienza che la lotta tra Male e Bene avviene, oltre che all’interno dell’uomo, a tutti i livelli organizzativi del «villaggio globale» e suggerisce alcuni mezzi capaci di «rispondere coscientemente e razionalmente al conflitto».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.