Mafia contro la gente: chi vince? | Mazin Qumsiyeh

Foto di Alisdare Hickson | Fonte: Flickr

I punti principali vengono esposti nel primo paragrafo ma se si ha più tempo si si può andare ai documenti a sostegno in calce: è una notizia poco riferita che documenta la più potente e più distruttiva mafia al mondo. Si tratta di un’organizzazione non-statuale che ha dirottato il governo USA fin dal 1967 e creato la sua base principale sulle rovine dei nativi di questo paese, il mio paese, la Palestina fin dagli anni 1920.

Il che ha voluto dire che adesso 7 milioni e mezzo di palestinesi nativi sono profughi e sfollati e il resto di noi sta in ghetti/campi di concentramento (più 100.000 uccisi, 800.000 feriti, circa un milione rapiti/imprigionati). Ma seppure il movimento ha avuto molti successi, ha pure subito scacchi per via della resistenza popolare ed è destinato a finire nella pattumiera della storia perché è contro i diritti umani basilari, il diritto internazionale, e la vasta maggioranza delle persone al mondo.

Giusto la settimana scorsa, la lobby della mafia non è riuscita a ottenere un seggio al Consiglio di Sicurezza ONU al governo canadese pro-sionista, che ha dovuto ripiegare sulla nomina ad ambasciatore all’ONU del razzista Bob Rae per cercare di spingere le agende sioniste.

I sionisti sono riusciti a israelizzare il governo USA e le sue forze di polizia nell’essere razziati e contro la gente di colore. Ma addestrare le forze di polizia e militarizzarle ha procurato a Israele l’inimicizia del pubblico statunitense (specialmente persone di colore ma anche giovani ebrei). Le masse si rivoltano al razzismo e i sionisti devono lottare con vecchi conservatori bianchi (Trump & Biden) – una generazione che deve lasciare presto il passo.

Il potere politico del sionismo si basa su gruppi come l’ADL [Lega anti-diffamazione], la Conferenza dei Presidenti, l’AIPAC, il Mossad etc. ma le loro estorsioni sono alla fine controproducenti. L’arresto del co-cospiratore di Jeffrey Epstein (entrambi erano agenti sionisti che utilizzavano il sesso per ricattare politici come Trump e Clinton) è un passo nella giusta direzione. Siamo incoraggiati dalla crescita del movimento BDS nonostante un arsenale stupefacente di sporche tattiche e il denaro usato contro di esso. E se i sionisti pensano che inseguire le economie di Iran, Siria, Libano, Yemen, e Gaza aiuterà la mafia a mantenere l’egemonia, sono altrettanto in errore.

Embed from Getty Images

Il mondo sta cambiando (il coronavirus accelererà il cambiamento) dal mondo capitalista neo-liberista che manipolavano facilmente a un mondo più attento basato sull’accudimento reciproco e all’ambiente, in cui c’è spazio per tutti a prescindere dalla loro religione ma non c’è spazio per i sionisti (razzisti). I miei amici ebrei e non che lavorano contro il sionismo continuano a crescere e il numero dei sionisti continua a calare. È ora di por fine alla sciarada: liberare la Palestina, liberare gli USA, liberare il mondo.


Mazin Qumsiyeh

Mazin Qumsiyeh, professore associato di genetica e direttore dei servizi citogenetici alla Scuola di Medicina della Yale University, è fondatore e presidente della Holy Land Conservation Foundation ed ex-presidente della Società di Genetica del Medio Oriente. Ha vinto il Premio per l’Attivismo Raymond Jallow del Comitato nazionale AraboAmericano Anti-Discriminazione nel 1998. E’  cofondatore e tesoriere nazionale di Al-Awda, la Coalizione per il Diritto al Ritorno in Palestina, e ha scritto ampiamente sul Medio Oriente. Qumsiyeh è membro della Rete TRANSCEND per Pace Sviluppo Ambiente; autore di Sharing the Land of Canaan[Condividere la terra di Canaan] e Popular Resistance in Palestine: professore alla Bethlehem University e direttore del Palestine Museum of Natural History a Betlemme. http://palestinenature.org


TRANSCEND MEMBERS, 13 Jul 2020 | Prof. Mazin Qumsiyeh – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.