Contrasto allo hate speech online e social network: a che punto siamo? | Enzo Gargano

Photo by Priscilla Du Preez on Unsplash

Il 22 giugno scorso la Commissione europea ha pubblicato i risultati della sua quinta valutazione del Codice di Condotta introdotto il 31 maggio 2016 proprio grazie alla Commissione europea e a quattro importanti società informatiche (Facebook, Microsoft, Twitter e YouTube), al fine di rispondere alla proliferazione online di discorsi di odio razzista e xenofobo, Da allora, Instagram, Google+, Snapchat, Dailymotion e Jeuxvideo.com hanno aderito al Codice.

La valutazione

I risultati sono complessivamente positivi visto che le aziende IT valutano il 90% dei contenuti segnalati entro 24 ore e rimuovono il 71% dei contenuti ritenuti illegali. Tuttavia, le piattaforme devono migliorare ulteriormente la trasparenza e il feedback nei confronti degli utenti. Devono inoltre garantire che i contenuti contrassegnati vengano valutati in modo coerente nel tempo. Infatti valutazioni separate e comparabili effettuate su periodi di tempo diversi hanno mostrato divergenze nelle prestazioni.

«Il Codice di condotta rimane una storia di successo quando si tratta di contrastare i discorsi illegali di odio online. Ha offerto miglioramenti urgenti nel pieno rispetto dei diritti fondamentali», ha dichiarato V?ra Jourová, Vicepresidente per i valori e la trasparenza, che aggiunge: «Ha creato preziose partnership tra organizzazioni della società civile, autorità nazionali e piattaforme IT. Ora i tempi sono maturi per garantire che tutte le piattaforme abbiano gli stessi obblighi nell’ambito del mercato unico e chiarire nella legislazione che è responsabilità delle piattaforme rendere gli utenti più sicuri online. Ciò che è illegale offline rimane illegale online».

La quinta valutazione mostra che in media:

  • Il 90% dei contenuti segnalati è stato valutato dalle piattaforme entro 24 ore, mentre era solo il 40% dei contenuti nel 2016.
  • Il 71% dei contenuti ritenuti illegali è stato rimosso nel 2020, mentre solo il 28% dei contenuti è stato rimosso nel 2016.
  • Il tasso di rimozione medio, simile a quello registrato nelle precedenti valutazioni, mostra che le piattaforme continuano a rispettare la libertà di espressione ed evitare la rimozione di contenuti che potrebbero non essere considerati discorsi di odio illegali.
  • Le piattaforme hanno risposto e hanno fornito feedback al 67,1% delle notifiche ricevute. Ciò è superiore rispetto al precedente esercizio di monitoraggio (65,4%). Tuttavia, solo Facebook informa sistematicamente gli utenti; tutte le altre piattaforme devono apportare miglioramenti.

«Accolgo con favore questi buoni risultati. Tuttavia, non dovremmo accontentarci di questi miglioramenti e dovremmo continuare il lavoro svolto fin ora. Esorto le piattaforme a colmare le lacune osservate nelle valutazioni più recenti, in particolare fornendo feedback agli utenti e sulla trasparenza», ha dichiarato Didier Reynders, Commissario per la Giustizia, che ha anche indicato una strada per il futuro: «In questo contesto, la prossima legge sui servizi digitali farà la differenza, creerà un quadro europeo per i servizi digitali e integrerà le azioni dell’UE esistenti per frenare i discorsi di odio illegali online. ad adottare misure di trasparenza vincolanti per le piattaforme per chiarire come gestiscono i discorsi di odio illegali sulle loro piattaforme. “

Prossimi passi

I risultati ottenuti nel contesto dell’attuazione del Codice di condotta negli ultimi quattro anni alimenteranno le riflessioni in corso su come rafforzare le misure che hanno l’obiettivo di affrontare i contenuti illegali online nel futuro pacchetto della legge sui servizi digitali su cui la Commissione ha recentemente ha lanciato una consultazione pubblica.

La Commissione esaminerà i modi per incoraggiare tutte le piattaforme che si occupano di discorsi d’odio illegali, per istituire sistemi efficaci di notifica e azione.

Inoltre, la Commissione continuerà nel 2020 e nel 2021 a facilitare il dialogo tra le società informatiche e le organizzazioni della società civile che lavorano sul campo per affrontare il discorso dell’odio illegale, in particolare per favorire l’impegno con i gruppi di moderazione dei contenuti e la comprensione reciproca delle specificità giuridiche locali di incitamento all’odio.

La decisione quadro sulla lotta contro il razzismo e la xenofobia criminalizza l’istigazione pubblica alla violenza o all’odio nei confronti di un gruppo di persone o di un membro di tale gruppo definito in riferimento a razza, colore, religione, discendenza o origine nazionale o etnica. Come definito nella presente decisione quadro, il discorso d’odio è un reato anche quando si verifica online.

Il codice di condotta si basa su una stretta cooperazione tra la Commissione europea, i social network, le organizzazioni della società civile (CSO) e le autorità nazionali. Tutte le parti interessate si incontrano regolarmente sotto l’egida del gruppo ad alto livello sulla lotta al razzismo e alla xenofobia, per discutere di sfide e progressi.

Ogni esercizio di monitoraggio è stato condotto secondo una metodologia concordata che consente di confrontare i risultati nel tempo. Il quinto esercizio è stato effettuato per un periodo di 6 settimane, dal 4 novembre al 13 dicembre 2019, da 34 organizzazioni della società civile, tra cui il Centro Studi Sereno Regis (monitoraggio realizzato all’interno del progetto Tutti Mediattivisti: ricerca educazione e azione nonviolenta contro l’odio online con il contributo dell’8×1000 della Chiesa Valdese) e 5 organismi pubblici che hanno riferito degli esiti di un campione complessivo di 4364 notifiche da tutti gli Stati membri (e in più il Regno Unito), a eccezione di Lussemburgo, Paesi Bassi, Malta e Danimarca. Le notifiche sono state inviate tramite canali di segnalazione disponibili per tutti gli utenti o tramite canali dedicati accessibili solo a segnalatori / reporter attendibili.

Per ulteriori informazioni sulla 5a valutazione e sul lavoro generale sulla lotta contro l’odio in rete online, si può visitare la seguente pagina Web.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.