Chi ha inventato la democrazia? | Segnalazione redazionale

Alberto Cacòpardo, Chi ha inventato la democrazia? Modello paterno e modello fraterno del potere, Meltemi, Milano 2019, pp. XIII, 275, € 22,00

C’è una «storia canonica» della democrazia, che incombe nel pensiero occidentale: racconta che il «governo del popolo» fu inventato dai greci, poi si eclissò, forse baluginò qua e là in qualche piega della storia d’Occidente, per risorgere infine nelle rivoluzioni liberali moderne e dilagare per tutto il pianeta nel tardo Novecento.

Questa narrazione, come non di rado accade alle «storie canoniche», è distante dal vero. Se fu democrazia quella dei greci, lo furono non di meno le forme politiche dei tanti popoli che, in tutte le epoche e in tutti i continenti, si sottrassero al dominio dei regni e degli imperi, praticando, con mille variazioni sullo stesso tema, quello che qui è chiamato il modello fraterno del potere.

Il Peristan, quella vasta e impervia regione montuosa fra Hindukush e Karakorum che ospitò le culture dei Kafiri, ha coltivato per millenni questo tipo di forme politiche in un lungo confronto con l’opposto modello paterno dei potentati che lo circondavano, fino a traghettarle vive e vegete sulla scena del terzo millennio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.