Reti di indignazione e speranza. Movimenti sociali nell’era di Internet | Segnalazione redazionale

Manuel Castells, Reti di indignazione e speranza. Movimenti sociali nell’era di Internet, Università Bocconi Editore, Milano 20152, nuova edizione, pp. 290, ill., € 25,00

[dal risguardo sx di copertina]

L’insuccesso della rivoluzione siriana e della primavera araba non significano di certo la fine dei nuovi movimenti. Dall’uscita della prima edizione di questo libro (2012), ne sono sorti altri: in Brasile (con il Movimiento Passe Livre che occupa l’Avenida Paulista, una protesta che andrà avanti per mesi); e poi Gezi Park a Istanbul, l’occupazione di Maidan Square a Kiev, la rivoluzione degli ombrelli a Honk Kong, le proteste in Messico, Podemos in Spagna, il Movimento 5 Stelle in Italia. C’è una cosa che, pur nella diversità, hanno in comune: sono tutti inestricabilmente legati alla creazione di reti di comunicazione autonome, supportate da Internet e da trasmissioni wireless. Castells è in grado di rispondere onestamente e criticamente alla domanda che molti osservatori ponevano a questi movimenti: «E allora, quali sono gli specifici esiti, quali i risultati tangibili sul piano sociale? Quale è stato, ammesso che ci sia stato, il loro impatto sui sistemi politici e sulla politica concreta?». Ed è in grado di denunciare anche gli aspetti più ambigui di movimenti che utilizzano la Rete, quali ad esempio il Movimento 5 Stelle, una delle novità di questa edizione.

[dalla quarta di copertina]

«Sono un singolo individuo, impegnato a praticare quel che ho imparato a fare nella vita: analizzare i processi della trasformazione sociale, nella speranza che quest’analisi possa tornare utile all’impegno di coloro che, a gran rischio personale, stanno lottando per un mondo più vivibile per tutti» [Manuel Castells]

[dal risguardo dx di copertina]


Manuel Castells è docente di Sociologia e titolare della cattedra Wallis Annenberg di Tecnologia della Comunicazione e Società alla University of Southern California, Los Angeles, e professore emerito di City and Regional Planning alla University of California, Berkeley, dove ha insegnato per ventiquattro anni.

È autore di ventisette libri, fra i quali la trilogia L’età dell’informazione […] e Comunicazione e potere. È vincitore del Premio Balzan 2013.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.