La violenza e Montaigne. Storia di un problema filosofico | Segnalazione redazionale

Federico Baglivo, La violenza e Montaigne. Storia di un problema filosofico, Mimesis, Milano 2018, pp. 430, € 34,00

L’opera di Michel de Montaigne (1533-1592) segna il germogliare della riflessione filosofica moderna sulla soggettività. Ma nei Saggi, scritti in un frangente tra i più cupi e violenti della storia europea, è anche possibile scorgere un percorso parallelo, volto all’individuazione dei fondamenti pacifici dei rapporti umani.

Attraverso l’analisi della storiografia, la precisa contestualizzazione del processo di elaborazione dei Saggi e soffermandosi estesamente sulle categorie di scetticismo, tolleranza e pluralismo che strutturano il suo discorso filosofico, questo libro descrive il legame di Montaigne con la violenza e il progetto educativo e culturale da lui elaborato per cercare di arginarla.

Sullo sfondo delle grandi questioni dell’epoca – di ordine politico-militare e giuridico, culturale e pedagogico – viene così definendosi il profilo di un pensatore che, in continuo dialogo con la tradizione classica e rinascimentale, ha cercato di rifondare un ideale di umanità morale che non deve essere considerato perduto.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.