Rapporto ONU: L’aumento della tratta di esseri umani assume ‘dimensioni orrende’: minori il 30% delle vittime

Il rapporto (a cura dell’Ufficio per Droghe e Crimine – UNODC), con informazioni da e su 142 paesi, è stato pubblicato il 7 gennaio u.s. Il suo direttore, Yury Fedotov, ha messo in risalto il volume attuale del traffico, in aumento stabile dal 2010, attribuibile prevalentemente al ruolo di gruppi armati e terroristici che ne fanno uso per incutere paura e offrire incentivi agli affiliati – bambini soldato, lavoro forzato, sfruttamento/schiavitù sessuale (per quasi ¾ femminile, pur escludendo un’ampia quota di matrimoni prematuri [<15 anni], culturalmente ‘non forzati’)

L’Asia e le Americhe mostrano il maggiore aumento del numero di vittime scoperte/censite, benché resti ancora incerto quanto dovuto ad aumento reale e quanto ai metodi migliorati di detenzione, registrazione e pubblicizzazione dei dati sul traffico umano.

La gran parte delle vittime note fuori da tali aree originano dall’EstAsia, poi dall’Africa sub-sahariana, dove è aumentato il numero di imputati per traffico, peraltro ancora molto basso e indice di vaste aree d’impunità in molti paesi asiatici e africani.

Il traffico per sfruttamento sessuale è la forma prevalente nei paesi europei mentre in quelli subsahariani e mediorientali il motore principale del commercio illecito è il lavoro forzato.

Donne e ragazze sono le vittime più numerose a livello mondiale: 73% per sfruttamento sessuale, 35% per lavoro forzato (8% per ambo i motivi).

Il centro d’attenzione del rapporto è l’impatto dei conflitti armati sul traffico di umani. In zone di conflitto, dove il controllo della legge è debole e I civili hanno poca protezione dal crimine, gruppi armati e criminali possono cogliere l’occasione di sottoporli al traffico. Un esempio offerto nello studio è il fenomeno delle donne e ragazze nei campi profughi in Medio Oriente “sposate” senza il proprio consenso e assoggettate a sfruttamento sessuale in paesi confinanti.

Trattare il traffico di umani è un elemento chiave dell’Agenda ONU di Sviluppo Sostenibile, che richiede agli stati membri di monitorare il progresso nell’affrontare il problema, e riferire il numero delle vittime secondo il sesso, l’età e la forma di sfruttamento.

Restano comunque falle consistenti nella conoscenza con molti paesi in Africa sub-sahariana, in SudAsia e in alcune parti dell’EstAsia ancora carenti nella capacità di registrare e condividere dati sul traffico di persone. “Questo rapporto mostra che dobbiamo intensificare l’assistenza tecnica e rafforzare la cooperazione, per sostenere tutti i paesi per la protezione alle vittime e portare i criminali davanti alla giustizia, e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, ha detto Fedotov.

___________________________________________________ Articoli precedenti in tema:

Rapporto ONU fa luce su ‘orrori inimmaginabili’ per migranti e profughi in Libia e oltre del 20 dicembre 2018: Migranti e profughi vengono sottoposti a “orrori inimmaginabili” dal momento in cui entrano in Libia per tutta la loro permanenza nel paese e – se ci arrivano – durante i loro tentativi di attraversare il Mediterraneo, secondo un rapporto emesso dalla UNSMIL (Missione Politica ONU in Libia) e dall’OHCHR(Ufficio ONU per i Diritti Umani).

Articoli originali: news.un.org


Titolo originale: Rising Human Trafficking Takes on ‘Horrific Dimensions’: Almost a Third of Victims Are Children
Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.