Intanto, nel mondo

Johan Galtung

Lo stato del mondo giusto adesso va di male in peggio, con più violenza o minacce di violenza; una epidemia, addirittura una pandemia, di violenza. E più disuguaglianza entro e fra i paesi, e I soldi a comprar voti in finte elezioni e politici in finte democrazie a stravolgerle in plutocrazie gestite dai soldi.  E la natura insultata; meno diversità e meno simbiosi, con clorofluorocarburi nello strato d’ozono.

Ma non dappertutto. Ci sono regioni lievi in violenza, sovente guidate da uno stato o una nazione che funge da “polo”, e un mondo multi-polare con una coesistenza pacifica passiva; dispute, non guerra.  Quali sono queste regioni, guidate da un “polo”?

L’Anglo-America è una, capeggiata dagli USA.

La Latin-America/Caribe è un’altra, con Cuba, Nicaragua, Venezuela, Argentina, Brasile che hanno ruoli promari, ma senza un singolo leader. La Comunidad de Estados Latinoamericanos y Caribeños (CELAC) è un forum di coordinamento per tutt’e 35.

Come si rapportano l’una all’altra queste due regioni dell’emisfero occidentale?

Gli USA erano soliti guardare con alterigia alla Latin-America/Caribe in quanto “cortiletto di casa”; stanno ora lentamente cambiando verso un considerarsi piuttosto il rispettivo giardino frontale, aprendosi a dialoghi su base paritaria in un forum non ancora consolidato.

Attraversiamo quindi l’Atlantico all’Africa, con 54 paesi, divisi in un Nord musulmano – da attorno all’anno 700 – e un “Sud del Sahara” post- e pre-coloniale. I paesi latino-americani-caribici si resero indipendenti da Spagna e Portogallo a partire dal 1810, ma invece il colonialismo in Africa durò fino al 1960, e ancor dopo nell’ “Africa Portoghese”. Il Portpgallo fu un colonizzatore precoce e un decolonizzatore tardivo.

Il colonialismo-capitalismo ha(veva) devastato gran parte d’Africa; adesso a milioni [sic] migrano verso l’Europa attraverso il Mediterraneo; sono gli “immigrantis” a essere considerati il problema – non i sottostanti orrori del capitalismo-colonialismo.  Perché importa? Una risposta: il colonizzatore può scusarsi per l’accaduto, come fece il primo ministro italiano Silvio Berlusconi nel 2011 per iobombardamenti delle oasi libiche con donne e bambini nel 1911. La cosa funzionò.

L’elenco per Inghilterra e Francia è lungo. Stiamo ancora aspettando. Vale anche per l’Islam in espansione, che si diffuse a fil di spada.

Dopo il genocidio di 10 milioni di “congolesi belgi” da parte di Leopoldo I – Anversa non ha un memoriale che onori le vittime – concentriamo l’attenzione sui due Camerun, ex-inglese ed ex-francese, proiettando un futuro di Comunità Camerunese.

E una Comunità NordEst-Africana con l’Egitto e un Sudan federale con Khartoum, dove s’incontrano il Nilo Bianco e il Nilo Azzurro, senza imposizione dell’islam.

E una Comunità Est-Africana in relazione con la penisola araba attraverso il mare [Rosso].

E una Comunità del Corno d’Africa con Etiopia-Eritrea in pace, e le tre Somalie e una Gibuti demilitarizzata. Cina [USA, Francia, Turchia, ..], fuori!

E per gli stati confinanti del Sud-Africa, anche lì una comunità. E altre ancora.

Un’Africa come comunità di comunità garbatamente navigata da Addis Abeba verso una qualche unità. Guardiamone la carta geografica: enorme, circondata dall’oceano Antartico, Atlantico, [Pacifico!>>] Indiano e dal mar Mediterraneo.

Come l’enorme Russia, di cui Putin sta restaurando la dignità. Dalla divisione dell’Impero Romano nel 395 vista sempre più come nemico; una guerra fredda di oltre 1600 anni, resa a tratti calda dagli attacchi di Cavalieri Teutonici, Napoleone, Hitler, ma senza mai contrattacchi russi per rivalsa. Superare la spaccatura del 395, come han fatto papa Francesco e il patriarca Cirillo.

Ma importa di più che l’Occidente s’aspetti appunto qualche rivalsa: ti odio perché ti ho trattato così male che m’aspetto altrettanto da te.

Più psicologia: repressione dell’enorme bellicosità USA, 248 interventi militari da quello di Jefferson in Libia nel 1801, e ormai due guerre all’anno; e proiezione sulla Russia. Lo si riveli, si rendano di pubblico dominio le guerre USA con oltre 20 milioni di uccisi in 37 paesi solo dopo la 2^ guerra mondiale (Jackoby), rispetto alla non-belligeranza russa. Si stracci il tabù del parlare degli USA [in termini “dissacranti”].

E poi Trump, non “addomesticato”, autistico, narcisistico e paranoide. Da presidente di un paese minore sarebbe stato rivelato, ma essendolo invece di un paese anch’esso autistico, narcisistico e paranoide, va giusto bene. Comunque liberarsi di Trump non risolve la perenne bellicosità USA.

La Russia dev’essere vista nel contest della SCO – Shanghai Cooperation Organization – così importante da non venir menzionata dai media occidental – un’alleanza di Russia, Cina, Islam, India, Pakistan; metà dell’umanità. C’è un’Eurasia che sta prendendo forma, One Belt, one Road-arteria di comunicazione est-ovest [promossa dalla Cina e sollecitata a chi interessa, ndt] in un mondo in cui il colonialismo occidentale collegava solo nord e sud.

E questo è colonialismo cinese? La Cina è stata creative con strategie “win-win”, rendendo le infrastrutture disponibili a tutti; ma l’aspetto colonizzatore nel sistema statuale è chiaro, con Xi Jinping dittatore a vita. La decolonizzazione dalla Cina sta diventando un tema chiave, ed è indispensabile più traffico ovest-est di persone e idee.

A sud della Russia c’è l’Asia “vera e propria”, divisa in Ovest, Centrale, Sud, SudEst ed Est.

West-Asia: ebrei, gente del Libro (kitab), possono vivere in paesi musulmani e dovrebbero contraccambiare evitando un Israele per soli ebrei. La Siria, paese profondamente musulmano, ha tale tradizione di tolleranza e dovrebbe essere considerate come parte dela storia coloniale occidentale bensì come paese con un profondo dialogo – Al Qaeda, Al Salafi – su che cos’è il vero Islam. L’IS[IS], Stato Islamico, ha un califfato che lo fa – verso LaMecca-Medina.

Centr-Asia: si disfi il confine Durand del 1893, di 2.500 km fra Afghanistan e Pakistan per istituire una Comunità Centr-Asiatica, con l’Iran e gli “-stan” circostanti.

Sud-Asia: la gigantesca India che gestisce la SAARC [Associazione Sud-Asiatica per la Cooperazione Regionale, ndt] relativamente bene.

SudEst-Asia, ASEAN: una gigantesca comunità di pace fra dieci stati.

Est-Asia: [auspicabile] una Comunità NordEst-Asiatica delle due Cine, le due Coree, Giappone e  Mongolia, che tenga fuori gli USA e dentro la Nord-Corea, per la sua politica per un trattato di pace, la normalizzazione, una Corea [intera] denuclearizzata.

Il Pacifico: basilarmente una regione di pace Polinesiana.

Conclusione: il processo chiave nel mondo è il troppo a lungo dominante NordOvest in calo, e l’Est e il Sud – Russia, Cina, Islam, Terzo Mondo in emersione. Si promuova la pace collegando il buono del NordOvest con il buono nel Resto del mondo. S’impari dai due leader spirituali.


EDITORIAL, 6 Aug 2018 | #546 | Johan Galtung – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis


 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.