L’eugenetica italiana e la Grande Guerra | Segnalazione redazionale

Giovanni Cerro (a cura di), L’eugenetica italiana e la Grande Guerra, ETS, Pisa 2017, pp. 230, euro 22

Il libro raccoglie una serie di articoli, scritti tra il 1914 e il 1919, nei quali i maggiori eugenisti italiani dell’epoca (tra questi Giuseppe Sergi e Corrado Gini) analizzano le conseguenze biologiche del conflitto sulla sanità fisica e psichica della popolazione civile e militare italiana.

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, il presupposto su cui era nato e si era sviluppato il movimento eugenetico internazionale sembrò incrinarsi definitivamente: di fronte a tanta inaudita violenza era ancora possibile sperare in un miglioramento della «razza umana»? Anche in Italia gli eugenisti si divisero tra chi considerava il conflitto una minaccia per l’integrità fisica e psichica del corpo sociale e chi lo interpretava invece come un fattore di selezione e di progresso, in grado di favorire la parte migliore della popolazione. Questa contrapposizione contribuì a ridefinire non solo gli equilibri nel campo dell’eugenetica nazionale, ma più in generale i rapporti tra scienza e politica nella delicata fase del dopoguerra.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.