La causa climatica dei cittadini | Legambiente

Famiglie che vedono le proprie vite messe a rischio dagli impatti dei cambiamenti climatici, dentro e fuori dall’Europa, hanno adito oggi alla Corte di Giustizia europea contro il Parlamento e il Consiglio europei, per denunciare l’inadeguatezza del target di riduzione delle emissioni climalteranti al 2030.


Questa causa, presentata il 24 maggio 2018, intende sollecitare i tribunali dei Paesi dell’ Unione Europea, sottolineando il fatto che – mentre il cambiamento climatico è stato riconosciuto come un problema fin dal 1992 –   non sono ancora state intraprese iniziative adeguate a proteggere i diritti fondamentali delle persone ricorrenti: diritti già violati dagli impatti del cambiamento climatico.  (https://peoplesclimatecase.caneurope.org/)

Questa iniziativa, promossa a livello internazionale da CAN – Climate Action Network (http://www.climatenetwork.org/), è sostenuta in Italia da Legambiente, che sul suo sito (https://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/la-causa-climatica-dei-cittadini) porta la testimonianza delle famiglie ricorrenti.

Tra le famiglie ricorrenti anche quella italiana di Giorgio Elter, che racconterà la sua esperienza e la sua storia il 29 maggio a Torino presso la sede di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, insieme al vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini e al presidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta Fabio Dovana. L’azione legale della famiglia Elter è infatti sostenuta dall’associazione ambientalista, che è membro di Climate Action Network Europe.

“L’Italia sta facendo troppo poco, e troppo lentamente, per ridurre le sue emissioni di CO2, come dimostrano i dati che riportano addirittura un aumento nel settore energetico –ha dichiarato Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente -. Dobbiamo rafforzare l’azione per il clima e innalzare gli obiettivi UE 2030 in coerenza con l’accordo di Parigi. Legambiente sostiene pienamente l’azione legale della famiglia Elter, che può aiutarci a mobilitare i cittadini e a esercitare una crescente pressione sui governi affinché adottino politiche ambiziose in materia di clima ed energia e l’Europa diventi un esempio internazionale”.

Le famiglie ricorrenti ritengono che la riduzione delle emissioni nazionali di gas serra di un minimo del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030 sia inadeguato a far fronte alla concreta necessità di prevenire il rischio climatico e insufficiente a proteggere i loro diritti fondamentali di vita, salute, occupazione e proprietà. Esse sostengono che, a fronte di quanto sancito dal diritto europeo e internazionale, questo obiettivo di riduzione sia troppo basso; sottolineano che l’Unione ha il dovere legale di non causare danni e di proteggere i diritti fondamentali dei suoi cittadini. Nel consentire ulteriori emissioni e non esercitando il proprio potere decisionale al meglio delle possibilità, la Ue sta invece ledendo i loro diritti fondamentali. Chiedono alla Corte di sancire che la questione del cambiamento climatico ricade nella sfera dei diritti umani e che la Ue ha la responsabilità di proteggere i loro diritti, quelli dei loro figli e delle future generazioni.

Le famiglie ricorrenti, le cui condizioni di vita sono tra quelle che gli effetti del cambiamento climatico mettono più a rischio, sono:

  • genitori che vivono in piccole isole al largo della costa tedesca del Mare del Nord le cui condizioni di salute, proprietà e occupazione (come l’agricoltura e i servizi turistici) sono e saranno messe in pericolo dall’innalzamento del livello del mare e dalle mareggiate che raggiungono aree più interne;
  • figli e genitori che vivono nel sud della Francia e nel sud del Portogallo le cui condizioni di salute, proprietà e occupazione (come l’agricoltura) sono messe in pericolo da ondate di calore e siccità;
  • figli e genitori che vivono sulle Alpi italiane le cui proprietà e opportunità occupazionali (come i servizi turistici) soffrono per l’assenza di neve e di ghiaccio;
  • figli e genitori che vivono nei Carpazi rumeni, i cui mezzi di sostentamento e la cui occupazione tradizionale (come l’agricoltura e la pastorizia) sono messi a repentaglio dalle temperature più elevate e dalla penuria di acqua;
  • figli e genitori che vivono nel Kenya settentrionale, la cui salute e istruzione sono danneggiate da ondate di calore, siccità e desertificazione.

Queste famiglie sono accompagnate in questa azione da numerose ONG, da avvocati e scienziati, che credono fermamente che l’UE possa e debba essere più ambiziosa rispetto al suo obiettivo sul clima al 2030. Sono rappresentate dal professore di diritto tedesco Prof. Gerd Winter, dall’avvocato ambientale di Amburgo Roda Verheyen e dall’avvocato londinese Hugo Leith.

Gli scienziati del think tank scientifico Climate Analytics forniscono un background scientifico interdisciplinare a questo caso legale per fornire prove chiare di come le famiglie subiscano i cambiamenti climatici e per mostrare che cosa si può fare per ridurre le emissioni oltre l’obiettivo europeo attuale del 40% di riduzione rispetto alle emissioni del 1990 entro il 2030.

L’ONG tedesca Protect the Planet sta finanziando tutti i costi legali del caso per evitare che problemi finanziari possano ostacolare l’azione delle famiglie. CAN Europa, cui Legambiente aderisce – la più grande coalizione di ONG in Europa impegnata su questioni climatiche ed energetiche, insieme a oltre 150 organizzazioni in 30 paesi europei, in rappresentanza di oltre 1700 ONG – sostiene la coraggiosa azione delle famiglie ricorrenti e riconosce l’urgenza di agire per proteggere i loro diritti fondamentali.

Ecco le dichiarazioni delle famiglie sulle proprie situazioni e sulle ragioni dell’azione legale. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito People’s Climate Case

Il nonno della famiglia francese, Maurice Feschet, ha dichiarato:

“In 6 anni la nostra perdita di raccolto nella Provenza francese è stata del 44%, a causa degli impatti dei cambiamenti climatici che ci colpiscono sempre più duramente. C’è l’urgenza concreta che la politica europea faccia un passo indietro e consideri i principi della democrazia. L’UE deve ascoltare i cittadini che sono colpiti dai cambiamenti climatici e mettere in atto le misure necessarie per proteggerli”.

La famiglia tedesca Recktenwald spiega perché sta facendo questa causa:

“Questa azione legale riguarda non solo la nostra famiglia e la situazione attuale, ma anche il futuro di tutti noi. Quello che succede qui, nella nostra isola e in Germania del Nord, sta accadendo in tutto il mondo. Siamo particolarmente consapevoli del cambiamento climatico perché viviamo a contatto con la natura”.

Il padre della famiglia di apicoltori portoghesi, Ildebrando Conceição, ha dichiarato:

“Oggi non abbiamo più quattro stagioni, ma solo estate e inverno. Questa situazione disturba l’attività delle api che impiegano più tempo per adattarsi alle variazioni climatiche. La diminuzione della produzione di miele, che è stata continua nel corso degli anni, ha ridotto il reddito della mia famiglia che deriva dall’apicoltura. Abbiamo avviato questa procedura legale perché non è solo un problema nazionale. Ed è necessario che l’UE s’impegni maggiormente per contrastare questa situazione che impatta sulle nostre vite e mette a repentaglio il futuro delle giovani generazioni”.

Il padre della famiglia Armando Carvalho, che ha perso la piantagione di alberi durante gli incendi boschivi nel 2017 in Portogallo, ha detto:

“Il 15 ottobre 2017, il verificarsi di un evento meteorologico anomalo ha coinciso con un violentissimo incendio che ha colpito le proprietà e il patrimonio della mia famiglia. In considerazione delle mie conoscenze in campo forestale e dell’esperienza acquisita in quei giorni nella lotta antincendio, e in linea con i miei valori di coscienza e cittadinanza, ho deciso di essere parte attiva in questa causa assumere, perché sono consapevole che spetta all’Unione europea fare da guida e agire in modo ambizioso per invertire ciò che sta accadendo in termini di impatti dei cambiamenti climatici sul suo territorio”.

Alfredo Sendim, agricoltore biologico portoghese, ha dichiarato:

“Se l’innalzamento delle temperature supererà i 2 gradi centigradi, ed è lo scenario verso cui stiamo andando con obiettivo climatico europeo attuale, la terra in cui oggi sorge la mia fattoria sarà un deserto e dovremo spostarci. Anche sotto i 2 gradi sarà, comunque, una vera sfida per via delle temperature più alte, estreme d’estate, che rappresentano una vera e propria minaccia di morte per il nostro bestiame”.

Tra i ricorrenti anche il padre della famiglia Caixeiro, Joaquim Caixeiro, che lavora nella fattoria di Sendim, e che ha dichiarato:

“I cambiamenti climatici influenzano direttamente il mio lavoro e la vita della mia famiglia rendendo la nostra attività meno competitiva rispetto ad attività simili dell’agricoltura convenzionale. Ciò che mi spinge a partecipare a questa azione legale è la paura per il nostro futuro: il mio e quello delle mie figlie”.

Il padre della famiglia ricorrente rumena, Petru Vlad, ha dichiarato:

“Anno dopo anno, le temperature aumentano, non c’è più acqua a sufficienza per le nostre mucche e le nostre pecore. Devo portare il mio bestiame da 600 metri di altitudine a 1400 metri per fargli pascolare erba decente, ma soprattutto per l’acqua. Non posso portare le nostre mandrie più su, perché oltre i 2000 metri c’è soltanto il cielo. Alcuni dicono che è una punizione divina, altri che dipende dall’inquinamento. Tuttavia, quello che posso dire, da semplice contadino senza istruzione superiore, è che non è colpa mia e che va risolto. Ed è per questo che chiedo azione: non chiedo denaro, ma protezione”.

Il padre della famiglia ricorrente keniana, Roba Guyo, ha detto:

“Nella nostra regione il caldo sta diventando sempre più estremo; il che minaccia le nostre vite a diversi livelli. Manca l’acqua da bere e per la pastorizia. E soprattutto, la salute dei miei figli è in pericolo. Soffrono a causa di queste ondate di calore estremo che affrontiamo da alcuni anni. Se la situazione non migliora e continuiamo così, siamo senza speranza”.

Legal Summary

L’ufficio stampa Legambiente 06 86268399 – 353 – Alice Scialoja 3393945428

 

 

MEDIA CONTACTS

Fabio Dovana, President of Legambiente Piemonte, [email protected] , +39 3929935376  (Please get in touch with Fabio for reaching out to Italian plaintiff family)

Goksen Sahin, CAN Europe Communication Coordinator, [email protected], +32 4 68 45 39 20

Hanna Fuhrmann, Germanwatch e.V (Germany), Public Relations Officer [email protected] , +49 (0)228 / 604 92-32 (Please get in touch with Hanna for reaching out to German plaintiff family)

Marie Pochon, Notre Affaire à Tous (France), Communication Coordinator, [email protected] , +33 6 52 26 19 41 (Please get in touch with Marie for reaching out to French plaintiff family)

Raul Cazan and Mihai Stoica, President and Executive Director of 2Celcius (Romania), [email protected] and [email protected], +40 724 427 999 (Please get in touch with Raul and Mihai for reaching out to Romanian plaintiff family)

Mafalda Sousa and Nuno Forner, Policy Officers in ZERO (Portugal), [email protected] and [email protected] ,  +351 936459045 | +351 911507704 (Please get in touch with Mafalda and Nuno for reaching out to Portuguese plaintiff families)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.