Verità dissepolte: Israele, la Nakba, e il Fondo Nazionale Ebraico (KKL)

Moving Forward Magazine coraggiosamente rammenta agli ebrei americani [USA] la realtà della Nakba, gli slogan e i simboli del progetto ebraico che premise l’espulsione di massa e la pulizia etnica del popolo palestinese – e le politiche che permettono di continuare oggi.La nostra speranza è che le comunità pro-Israele si confrontino onestamente con la storia e l‘attuale situazione in quella terra, e si avviino verso la giustizia.

Una delle innumerevoli foto di palestinesi in fuga dalle proprie case durante la Nakba – Catastrofe – del 1948 quando furono espulsi dalla loro terra dal neonato stato di Israele.

1 maggio 2018: Presentiamo questo numero special di Moving Forwardper commemorare il 70° anniversario della Nakba, ‘catastrofe’ in arabo, cioè l’espulsione e l’esproporio di 750.000 palestinesi dalla loro patria durante la creazione di Israele (1947-1949).

Esponiamo qui I documenti storici di qegli anni per mostrare che la Nakba fu il risultato di una politica deliberate di espulsione, esproprio, e pulizia etnica di massa — una strategia diesignata per assicurarsi che i palestinesi, vissuti per generazioni su questa terra, fossero impediti dal tornarci. Ci concentriamo anche sul ruolo fondamentale avuto dall’organizzazione internazionale sorta 117 anni fa e nota negli USA come Fondo nazionale ebraico (JNF), nel facilitare tale esproprio.

Gli ebrei americani solevano metter monete nei salvadanai blu del JNF per aiutare I sionisti ad istituire lo stato ebraico. Oltre un secolo dopo il JNF, noto in ebraico e operative in Israele come Keren Kayemeth LeIsrael (KKL), possiede 13% di tutta la terra del paese ed introita circa 3 miliardi di $ all’anno, perlopiù da vendite fondiarie.

Nostro obiettivo è che ci sia una seria valutazione morale di questa storia, che inizia con quell’ icona d’innocenza, il salvadanaio blu metallico che molti nostri lettori ricorderanno dalla propria infanzia, che c’invitava a offrire qualche moneta per aiutare a “far sì che il deserto fiorisse” e a costruire la terra d’Israele. Era una missione legittimata dal principio direttivo della causa sionista: “Una terra senza popolo per un popolo senza terra”; slogan seduttivo quanto deliberatamente falso, come ampiamente documentato da testimonianze personali di palestinesi e di israeliani, reperti storici, e ricerche accademiche. Dopo tutto, come potevano fuggire da “una terra senza popolo” 750.000 palestinesi?

Dalla sua fondazione il JNF/KKL è stato incoraggiato dal movimento sionista ad acquisire terra in Palestina allo scopo d’insediarci ebrei. Dopo il 1948, aiutato e spalleggiato dalla legge fondiaria israeliana, il JNF/KKL ha continuato ad acquisire terra contribuendo anche all’esproprio israeliano dei palestinesi dalla loro terra, cosa conseguita comprando strisce di terra da proprietary assenteisti e affittandola esclusivamente ad ebrei, confiscando terra ai profughi, e scacciando forzatamente — spesso violentemente — i palestinesi dalle proprie terre, pratica che persiste tuttora. Continuando a programmare foreste che nascondono le rovine di villaggi palestinesi, il JNF/KKL cerca di cancellare storia e memoria, sperando intanto di dissimularne i motivi politici e di avvalorare la sua recente marchiatura da organizzazione ambientalista. Ironicamente, però, si è procurato una diffusa condanna internazionale per il degrado inflitto all’ecosistema naturale.

Mentre quest’anno segna il 70° anniversario degli avvenimenti catastrofici del 1948, sappiamo anche che le politiche che informavano allora le azioni di Israele e del JNF/KKL continuano attualmente. Con questo numero speriamo di evidenziare il rapporto fra la Nakba e il JNF/KKL; di incoraggiare un discorso più approfondito sulle esperienze e le realtà dei palestinesi prima, durante e a partire dalla creazione di Israele; e di facilitare fra le comunità ebraiche USA – e oltre – una riflessione e un’analisi onesta e coerentemente un’azione verso l’ammissione della verità e la giustizia.

******

© 2018 Moving Forward

Vai all’originale: fowardd.com

The Editors | Moving Forward Magazine – TRANSCEND Media Service

Titolo originale: Unearthing Truths: Israel, the Nakba, and the Jewish National Fund

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

 

Unisciti alla campagna BDS-Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni per protestare contro il barbaro assedio israeiano di Gaza, l’occupazione illegale del territorio della nazione palestinese, il muro di apartheid, il suo trattamento umano e degradante del popolo palestinese, e la detenzione arbitraria nelle prigioni israeliane di oltre 7.000 uomini, donne, anziani e ragazzini.

NON COMPRARE PRODOTTI CON CODICE A BARRE CHE INIZIA PER 729, che indica che è prodotto in Israele.

FAI LA TUA PARTE! FAI LA DIFFERENZA! 7 2 9: BOICOTTAGGIO PER LA GIUSTIZIA!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.