25 aprile e 1 maggio contro tutte le guerre e i terrorismi

Il coordinamento torinese contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi, nato un anno fa dall’appello, sottoscritto da più di 60 associazioni, per l’approvazione e la ratifica da parte dell’Italia del Trattato ONU che mette al bando le armi nucleari, partecipa alle manifestazioni del 25 aprile e del 1° maggio perché convinto che oggi la liberazione dalla dittatura e la lotta dei lavoratori e delle lavoratrici per i propri diritti si sostanzia con la richiesta di una politica di pace giusta ed esigendo il disarmo nucleare e il superamento di tutte le politiche di guerra.

La pace, l’affermazione dei diritti di tutti, in una società tollerante e pluralista che bandisca una volta per tutte la guerra e ogni forma di violenza, era l’obiettivo dei giovani migliori che avevano scelto di resistere al fascismo.

Da decenni la guerra è invece rientrata nella storia, conducendo aduna specie di assuefazione. Noi vogliamo coltivare la speranza e ribadire l’impegno per una pace giusta che cacci la guerra fuori dalla storia. Esso si sostanzia in alcuni obiettivi:

  • ottenere il ‘cessate il fuoco’ in Siria. Il popolo siriano patisce una guerra civile crudele da 7 anni; i continui interventi “stranieri” hanno sempre aggravato la situazione e aumentato le sofferenze delle e dei siriani. Occorre invertire la situazione: solo con una conferenza di pace cui partecipino tutti i protagonisti si può uscire da quell’inferno, proteggere la popolazione civile, fermare l’oppressione e l’occupazione;
  • l’ONU è l’unica istituzione delegata a parlare a nome della comunità internazionale; siamo coscienti che oggi è incapace di assolvere questa funzione, ciò per responsabilità delle grandi potenze che ne hanno minato l’autorità e ne paralizzano l’attività con i veti incrociati. Ciononostante ribadiamo che solo ripristinando la centralità dell’ONU si può ripristinare la legalità internazionale; azioni militari unilaterali sono illegali e il nostro governo, in ossequio all’art 11 della Costituzione non può e non deve avvallarle né esserne in alcun modo complice;
  • va fermato il commercio di armi, bloccate le vendite a chi è in guerra, in cui anche l’Italia è implicata. Ora, subito.
  • in una situazione che si fa sempre più pericolosa, risulta di particolare urgenza il disarmo nucleare totale. Chiediamo che l’Italia ratifichi il Trattato ONU del 7 luglio 2017 che mette al bando le armi nucleari e chiediamo che rimuova i 70 ordigni USA dal nostro territorio. La fedeltà all’ONU viene prima ed è al di sopra della fedeltà atlantica!

Dimostriamo la nostra volontà di pace con gesti semplici e personali, che si trasformino in espressioni di volontà collettiva contro le guerre e contro la produzione e la vendita delle armi.

– Appendiamo le bandiere della pace alle finestre

– Mettiamo un nastro bianco della nonviolenza

Firmiamo le cartoline per la ratifica del trattato rivolgendoci ai banchetti presenti in piazza Castello il 24 aprile la sera e il 1 maggio al mattino, in piazza Arbarello il 25 aprile al pomeriggio.


Coordinamento di cittadini, associazioni, enti e istituzioni locali contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi
c/o Movimento Internazionale della Riconciliazione–Movimento Nonviolento Piemonte e Valle D’Aosta
via Garibaldi, 13 – 10122 Torino – Tel. +39.011532824 – Fax +39.0115158000 – [email protected]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.