Uniti per la messa al bando delle armi nucleari | Paolo Candelari

Mercoledì 21 giugno si è svolta, presso la sala Viglione della regione Piemonte, una conferenza stampa per illustrare l’appello che più di 60 associazioni, costituetesi in Coordinamento cittadini e associazioni contro le armi atomiche, tutte le guerre e i terrorismi, hanno inviato alle massime autorità dello Stato per ottenere il sostegno del governo italiano ai negoziati in corso a New York presso le Nazioni Unite per arrivare al bando delle armi atomiche.
Alcuni rappresentanti di queste associazioni (Paolo Candelari del MIR-Movimento Nonviolento e Alessandro Abrate della SokaGakkai) e delle istituzioni (Giampiero Leo per il Coordinamento interconfessionale) hanno illustrato le ragioni che ci hanno portato a redigere l’appello e a organizzare  la manifestazione che terremo in appoggio a questo appello il 28 giugno prossimo dalle 18,30 alle 20,30 in piazza Castello.
L’appello ha avuto l’adesione del Consiglio regionale del Piemonte, del Consiglio comunale della Città di Torino e di altri comuni.
La presenza di giornalisti e di Rai3 ci fa ben sperare che si incominci a rompere il muro di silenzio che si è creato attorno a questo evento
Ora ci si concentra sulla manifestazione del 28 giugno che speriamo partecipata.
In allegato il volantino di invito, scaricabile e da diffondere.

Si continuano a raccogliere adesioni all’appello da inviare a [email protected] (specificando nome dell’associazione aderente, una mail di riferimento a cui mandare gli avvisi e gli aggiornamenti, possibilmente una persona di riferimento)
Su facebook è stao creato l’evento da condividere e diffondere.
Abbiamo anche avviato una raccolta firme su change.org Siete pregati di firmare, chi non l’ha fatto e invitare altri a farlo
e anche una su avaaz
Arrivederci a mercoledì… tutte e tutti in piazza Castello!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.