Guerra o diritto? | Segnalazione redazionale


/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2017/03/cop Renato Federici Guerra o diritto 1

Renato Federici, Guerra o diritto? Il dritto umanitario e i conflitti armati tra ordinamenti giuridici, Editoriale Scientifica, Napoli 20133 pp. 370, € 15,00

L’autore

È professore di Diritto amministrativo; insegna Diritto minerario e Diritto del turismo e del governo del territorio, nell’Università degli Studi di Roma «Sapienza». In altre sedi (Latina, Benevento, Roma Tre) ha tenuto corsi di Diritto amministrativo, Diritto processuale e Istituzioni di diritto pubblico.

Il libro

Un retaggio del passato si aggira per il mondo e fa ancora i suoi schiavi e le sue vittime: è la guerra. È questo lo strumento arcaico e infantile delle brame di potere e di ricchezza, ma il conflitto armato è anche la prosecuzione delle scelte politiche ed economiche con mezzi diversi dal diritto. La guerra, infatti, non è un processo giuridico che si svolge in altra forma. Essa non è mai giusta; può essere inevitabile, scusabile, ma non è mai giusta.

La guerra è la notte del diritto. Il «Diritto umanitario è tutto il diritto che può sopravvivere durante un conflitto armato ed è assimilabile ad una fiaccola tremolante che può rimanere accesa anche nel buio pesto della notte. È ora di dipingere gli ordinamenti giuridici per quel che sono e per come li vede l’autore; e di scoprire l’anello di congiunzione tra sociologia, filosofia, politica, economia, religione e diritto.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.