Terre di guerre e viaggi di pace | Segnalazione redazionale


cop-terre-di-guerre-e-viaggi-di-pace-con-lo-zaino-in-spalla-nei-paesi-insanguinati-della-slavia-del-sudGiacomo Scotti, Terre di guerre e viaggi di pace. Con lo zaino in spalla nei paesi insanguinati della Slavia del Sud, Odradek, Roma 2015, pp. 344, € 24,00

(dalla Quarta di copertina)

Con questo libro ritorniamo alla sanguinosa guerra (1991-1995) che portò alla disgregazione della Federazione socialista jugoslava che, nata dalla guerra di liberazione dal nazismo e dal fascismo, teneva insieme le più varie etnie, lingue e religioni.?

Lo facciamo con Giacomo Scotti che per tutti gli anni della guerra, ma anche per oltre un decennio nel dopoguerra, si mosse da Napoli e da altre città italiane almeno due volte al mese per raggiungere la Croazia, la Bosnia-Erzegovina, poi anche la Serbia fino al Kosovo, per svolgere le «missioni» umanitarie e di pace e, per non sperperare il tempo, svolse pure un intenso lavoro di corrispondente di guerra per vari?giornali.

Dalle pagine del suo diario riaffiora la storia di quel conflitto: i leader, Slobodan Miloševic, Alija Izetbegovic, Franjo Tudjman e il suo partito Hdz; ma anche gli eredi degli ustascia che fondando movimenti di estrema destra e assumendo posti di comando condizionarono con la loro ideologia la neonata Repubblica croata; la politica della «pulizia etnica» con le criminali operazioni «Tempesta» e «Lampo» in Krajina,?ma anche le efferatezze compiute dai cetnici serbi a Vukovar e altrove in Croazia e quelle contro le popolazioni croate di etnia serba, l’orrendo eccidio dei mussulmani a Srebrenica; le denunce del Comitato Croato di Helsinki per i diritti umani; l’attività del Tribunale internazionale dell’Aja contro coloro che furono e sono tuttora accusati di crimini di guerra, – eroi in patria – autori di eccidi, devastazioni, stupri quali?Ante Gotovina, Dario Kordic, Ivica Rajic, Tihomir Blaškic, ZulfikarAlispaho-Zuko, Mladen Naletilic-Tuta, TamislavMer?ep, senza dimenticare i serbi, a cominciare da Miloševic, Radovan Karadžic, il generale Mladic,Vojislav Šešelj. […]. Alcuni sono stati definitivamente condannati, altri attendono la sentenza, qualcuno è morto in carcere,?qualche altro ne è uscito assolto dai giudici, ma non dalle vittime.

giacomo-scottiGiacomo Scotti (Saviano 1928), storico, scrittore bilingue (italiano e croato) e giornalista ha trascorso gran parte della sua vita a Fiume-Rijeka. Durante la guerra nella ex Jugoslavia (1991-1995) fu corrispondente di guerra per vari giornali e riviste e promotore e accompagnatore di molte missioni umanitarie. Profondo conoscitore di quella guerra e del travagliato dopoguerra ne segue puntualmente le controverse vicende. Con Odradek ha pubblicato due libri di successo sulla seconda guerra mondiale: Bono taliano (2012) e Montenegro amaro (2013).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.