Francesco d’Assisi. Padre Ernesto Balducci e la profezia della testimonianza | Recensione di Cinzia Picchioni


cop_Francesco d’Assisi. Padre Ernesto Balducci e la profezia della testimonianzaFrancesco d’Assisi. Padre Ernesto Balducci e la profezia della testimonianza, Edizioni Polistampa, Firenze 2015; © Fondazione Ernesto Balducci Onlus, Fiesole 2015, pp. 120, 24,00, grande formato, catalogo a colori

È una specie di catalogo, ma anche libro, e anche testimonianza… e arte!

Per questo è una recensione che potrebbe trovare posto anche nella rubrica «Arte e Nonviolenza».

Tutto nasce dal saggio di Ernesto Balducci uscito nel 1989 e dedicato a Francesco d’Assisi: «[…] in assoluto il volume di gran lunga più letto ed apprezzato tra quelli pubblicati dal Padre scolopio […]. Una riflessione condotta naturalmente nell’ambito della lezione di Padre Balducci, ispirata a quell’ecumenismo creaturale che tanto ricorda la testimonianza ed il messaggio di Francesco d’Assisi», dalla Presentazione, di Andrea Cecconi, p. 7.

Quel libro è stato successivamente ristampato più volte, e l’ultima – nel 2014 – ha avuto l’Introduzione del teologo Vito Mancuso.

Nel libro che presentiamo si trovano dunque alcune riflessioni sul saggio citato, e poi molte immagini di opere d’arte (con le biografie degli autori) che hanno per tema “Francesco d’Assisi”: dipinto, scolpito, xilografato; ma non solo: quadri, dipinti, opere scultoree di tema “francescano”, come la natura, o il lupo… non perdetevi il Convivio, sorta di «Ultima cena» come quella vinciana, ma al tavolo siedono Gandhi vicino a Teresa di Calcutta, Don Milani e altri/e (p. 111):

La personalità di Balducci ha segnato profondamente il nostro tempo, lasciando un segno ancor oggi tangibile in tanti aspetti, tra cui l’arte. […] Giusta e autorevole ci pare, allora, la mostra organizzata dalla Fondazione Balducci, che […] ha ideato un percorso artistico e documentale, che tocca le corde di tutti noi”, p. 8.

Eccoci così arrivati alla parte «catalogo» del volume presentato questa settimana: in effetti c’è stata una mostra, a Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio Regionale della Toscana, con una sezione documentale che ripercorreva proprio gli aspetti e i legami tra le due figure – Francesco d’Assisi e Balducci – e un gruppo di importanti artisti del Novecento italiano (Quinto Martini, Mario Romoli, Ardengo Soffici e altri) e contemporanei (Marco Arman, Giuseppe Lauria, Nicola Spezzano-Gabriele Luciani-Melissa Titzolis – autori/autrice del Convivio sopracitato – e altri).

La Fondazione Balducci ha organizzato tutto questo (mostra, interventi, catalogo, sezione documentale) per partecipare alla riflessione sul tema che è stato al centro del v Convegno Ecclesiale Nazionale, tenutosi a Firenze dal 9 al 13 novembre 2015, intitolato In Gesù Cristo. Il nuovo Umanesimo. Ecco che la Fondazione ha portato un contributo «[…] a partire dall’esperienza di Francesco d’Assisi che Balducci attualizzò nel suo saggio, nel tentativo di definire un nuovo volto della chiesa e della società a fronte delle sfide del terzo millennio», p. 13. E l’ha fatto organizzando, a Palazzo Vecchio, la Lectio magistralis, affidata al Priore della Comunità di Bose, Enzo Bianchi; poi c’è stato il momento – di carattere espositivo e documentario – a Palazzo Medici e a Palazzo Panciatichi, dal 27 novembre al 27 dicembre 2015, di cui nel volume ci sono tutte le foto delle opere esposte.

Questo volume dunque è un po’ come se fosse gli «atti» degli eventi svoltisi in quel periodo in Toscana, e «vuol rappresentare un ulteriore momento di riflessione, mediata attraverso il linguaggio artistico […]».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.