Niente più scuse!

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2016/05/Panettone vegano


Alta Pasticceria Italiana (nonviolenta, aggiungo io) garantisce che il loro prodotto (in questo caso un panettone, dal cui «cartellino» trascrivo le parole) è totalmente privo di qualunque ingrediente di origine animale, non contiene conservanti, è certificato biologico.

Ebbene sì, come poche altre volte, mi sento «a posto» nel fare pubblicità all’azienda «Alta pasticceria italiana», cosicché, in questi periodi di comunioni, cresime e matrimoni, si possa fare una scelta nonviolenta anche (o almeno) con la torta: www.altapasticceriaitaliana.com

panettone_bio_alta_pasticceria_dacastoDacasto Enrico & C. snc, via Giacosa 1 – 12051 Alba (CN), tel. 0173010110.

Qui sotto le parole riprese fedelmente (compresi i caratteri maiuscoli e neretti) dal piccolo pieghevole – carino, ben fatto graficamente, semplice ed efficace – che era dentro la confezione:

Alta Pasticceria Italliana lo scrive chiaramente in etichetta, infatti fra gli ingredienti non troverete MAI burro o uova o latte o yogurt, MAI nessun tipo di conservante, MAI monodigliceridi degli acidi grassi, MAI coloranti o aromi chimici.

Gli ingredienti del panettone? Olio di oliva, zucchero di canna integrale, lievito naturale da madre bianca, solo la migliore frutta candita non trattata, oli essenziali d’arancio. Cambiamo idea: non è vero che i dolci sono buoni solo se fatti col burro, affogati nella panna montata e ripieni di crema pasticcera. La parola «dolce» è anche un aggettivo. E come può essere dolce un «dolce» i cui ingredienti provengono da animali che soffrono (anche se non vengono uccisi, subito)?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.