Referendum sul referendum sul referendum…


acqua_manifestazione Quasi non ci si crede eppure siamo costretti/e a ri-raccogliere firme affinché venga rispettato il referendum del 2011; affinché sia riconosciuto il risultato dell’esito referendario; e affinché sia approvata la proposta di legge «Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico», presentata due anni fa alla Camera dei Deputati (il 20 marzo 2014).

Dunque ecco che hanno ragione le persone a chiedere: «Ma ho già firmato… devo firmare di nuovo?» oppure direttamente: «Non firmo, ho già firmato», credendo che sia uno sbaglio.

Ebbene no, non è uno sbaglio, è che si cerca di richiamare l’attenzione, di nuovo sul problema dell’«acqua pubblica», giacché nemmeno 406.626 firme raccolte nel 2011 per una legge di iniziativa popolare sono servite!!!

Per favore: passate a trovarci al Centro Studi Sereno Regis, a Torino, in via Garibaldi 13 (telefono 011 532824) e firmate la «Petizione popolare per legiferare in materia di diritto all’acqua e di gestione pubblica e partecipativa del servizio idrico integrato», o più semplicemente: venite a firmare perché l’acqua sia un bene comune pubblico.

Consideriamo anche che il 5 giugno ci sono le elezioni per il nuovo sindaco della città di Torino, e potremmo chiedere, ogni volta che ci troviamo a un dibattito, a un comizio, a un incontro con i candidati: «Che cosa intende fare perché l’acqua sia pubblica?», sfruttando il momento elettorale e il nostro potere di potenziali votanti.

Per firmare serve un documento di riconoscimento.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.