Il potere e la paura. La violenza del linguaggio liberale | Segnalazione redazionale


cop_Renato Piccini, Paola Ginesi, Il potere e la pauraRenato Piccini, Paola Ginesi, Il potere e la paura. La violenza del linguaggio liberale, Fondazione Guido Piccini per i diritti dell’uomo onlus, Calvagese della Riviera 2014, pp. 128

In realtà la segnalazione riguarda due Quaderni della Fondazione: il numero 8 e il numero 9. Entrambi fanno parte di una Collana di pubblicazioni che intendono essere «una voce che, partendo dalla nostra oscurità guarda verso l’orizzonte dove è possibile la luce di un nuovo cammino», p. 2.

Traiamo dalla Quarta di copertina: «La globalizzazione apre un nuovo e immenso scenario, i confini di cultura, di sapere, stanno scomparendo […] La speranza ci dona la forza necessaria perché la comunità umana […] scriva l’unica storia possibile per la sua sopravvivenza: il bene comune».

E proprio di speranza tratta il secondo Quaderno che segnaliamo, scritto dai medesimi autori del primo: La speranza forza rivoluzionaria del nostro tempo, pp. 164, prezzo non indicato. Il Quaderno apre l’Introduzione con una bella frase di Agostino d’Ippona:

La speranza ha due bellissimi figli:

lo sdegno e il coraggio.

Lo sdegno per la realtà delle cose,

il coraggio di cambiarle.

A pag. 8 leggiamo: «Non v’è “rivoluzione” che per diventare forza di cambiamento non sia animata da profonda speranza […] la speranza non è un optional per illusi, ma un’autentica ragione di vita». E poco più avanti, a pag. 10: «La disperazione sembra diventata non più un presagio ma la condizione dell’uomo d’oggi. C’è una soluzione a tutto questo? L’unica risposta è la speranza».

Gli altri Quaderni trattano di teologia della liberazione, di dignità del lavoro, di crisi mondiale del XXI secolo… Elenco e informazioni: www.fondazionegpiccini.org

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.