Anche il cielo brucia. Primo Levi e il giornalismo | Recensione di Dario Cambiano


Cover-rondini-b copiaAndrea Rondini, Anche il cielo brucia. Primo Levi e il giornalismo, Quodlibet, Macerata 2012, pp. 192, € 20,00

Ho preso in mano questo libro con parecchia commozione. È stato uno degli ultimi che Nanni Salio ha letto: questa recensione avrebbe dovuto farla lui.

Primo Levi raccontato attraverso i suoi articoli giornalistici, attraverso le sue prese di posizione politiche, attraverso le centinaia di interviste cui fu sottoposto: dalla seconda metà degli anni Sessanta alla sua morte, cioè dal successo conclamato di Se questo è un uomo (come sapete la prima edizione passò pressoché inosservata), Primo Levi rientrò nel novero della intelligentia italiana: ogni evento di cronaca, ogni fenomeno di costume faceva accorrere i giornalisti alla sua scrivania, per raccoglierne commenti, opinioni, riflessioni.

Questo libro contribuisce compiutamente a svelarci Primo Levi l’intellettuale, il personaggio pubblico impegnato politicamente in prima persona. Dalle questioni italiane a quelle internazionali, dal nucleare civile e militare alle tensioni in Palestina, il libro rende conto delle opinioni di Primo Levi, del suo argomentare coraggioso e polemico. Un intellettuale schietto, onesto, frontale. Un intellettuale di cui forse s’è persa traccia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.