Oscar Romero, tra ammirazione e imitazione | Anselmo Palini

 


romero-semillaOttantamila circa sono state le vittime della guerra civile in El Salvador, dal 1980 al 1992, anno degli accordi di pace, in un Paese che aveva solo quattro milioni di abitanti. Nel parco Cuscatlán a San Salvador è stato creato un “Monumento a la Memoria y la Verdad”: si tratta di un muro lun-go oltre 90 metri che riporta divisi per anno, incisi nella pietra, i nomi di mi-gliaia di vittime della repressione durante gli anni della dittatura. Tutti i giorni vi sono persone che mettono fiori sotto i nomi di familiari e di amici. El Salvador è veramente una “tierra de mártires”.

Continua nel pdf allegato

Fonte: Il Margine 36 (2016), n. 3, mensile dell’associazione culturale Oscar A. Romero di Trento

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.