Hiroshima, i bimbi guardano l’orrore – Linda Chiaramonte

Cinema. Due lungometraggi d’animazione giapponesi protagonisti al 17esimo Future Film Festival: «Barefoot Gen» di Masaki Mori e «Barefoot Gen II» di Toshio Hirata

/nas/wp/www/cluster 1313/cssr/wp content/uploads/2015/05/12futurefilm2vis01

È un Giap­pone che fa i conti con il suo dram­ma­tico pas­sato quello che ci rac­con­tano due lun­go­me­traggi di ani­ma­zione in pro­gramma alla dicias­set­te­sima edi­zione del Future Film Festi­val di Bolo­gna. Lo fa attra­verso il rac­conto della grande sto­ria con la S maiu­scola e quella meno cono­sciuta, forse addi­rit­tura mai rac­con­tata. Pro­ta­go­ni­sti sono i bam­bini con il loro sguardo incan­tato, ma allo stesso tempo duro e rea­li­stico per­ché testi­moni della guerra. Il primo è un lavoro datato, rea­liz­zato nei primi anni ’80, evento spe­ciale che il festi­val ha voluto ripro­porre per ricor­dare il set­tan­te­simo anni­ver­sa­rio dei bom­bar­da­menti ato­mici su Hiro­shima e Naga­saki, Bare­foot Gen di Masaki Mori e Bare­foot Gen II di Toshio Hirata, tratti dal cele­bre Gen di Hiro­shima di Keiji Naka­zawa (primo manga ad essere tra­dotto in inglese), opera in dieci volumi, che narra la sto­ria auto­bio­gra­fica dell’autore soprav­vis­suto alla tra­ge­dia, a soli sei anni, e testi­mone ocu­lare di tutto l’orrore seguito alle radia­zioni. Gen vede tutta la sua fami­glia morire, deve supe­rare quell’infinito dolore e rico­min­ciare a vivere.

Il fumetto ebbe il merito di squar­ciare uno spesso velo di silen­zio impo­sto sui fatti. Una sto­ria con cui il paese fino ad allora non si era mai dav­vero con­fron­tato diret­ta­mente tranne pochis­sime ecce­zioni come Chil­dren of Hiro­shima del ’52, film di Kaneto Shindo che par­te­cipò al festi­val di Can­nes nel 1953, il corto d’animazione d’autore del ’78 Pica-Don (ovvero: esplo­sione dei mille soli, come fu chia­mata l’atomica, pre­sente nella sala audio­vi­sivi del museo della bomba ato­mica di Hiro­shima) di Renzo Kino­shita, Chil­dren of Naga­saki dell’83 di Kei­suke Kino­shita, infine Black Rain di Sho­hei Ima­mura dell’89. Bare­foot Gen non ha avuto una distri­bu­zione fuori dal Giap­pone, e solo gra­zie al Japan Foun­da­tion di Tokyo è stato pos­si­bile pro­iet­tare al festi­val le copie ori­gi­nali in pel­li­cola 16 mm. I film sono usciti negli Usa in ver­sione dvd solo negli anni ’90. L’Italia ha potuto leg­gere la sto­ria di Gen solo dopo il 1999 quando la Panini Comics l’ha pub­bli­cata in quat­tro volumi.

Ora, in occa­sione del set­tan­te­simo anni­ver­sa­rio di Hiro­shima, dopo il primo volume uscito nell’ottobre scorso, la 001 Edi­zioni, licen­zia per la prima volta in Ita­lia l’edizione inte­grale. La pros­sima uscita è attesa in autunno, l’ultimo epi­so­dio all’inizio del 2016. Una nuova tra­du­zione con testi cri­tici curati da Mar­cella Mariotti e Tiziana Vaschi della Cà Foscari di Vene­zia. Nel 1982 la Rai tra­smise la sto­ria di Gen con i due film del regi­sta Tengo Yamada, in onda a pun­tate per alcune set­ti­mane con il titolo Gen senza scarpe. Lo stile di Bare­foot Gen «risente molto del fumetto a cui è ispi­rato, è carat­te­riz­zato da espres­sioni cari­ca­tu­rali dove sono rico­no­sci­bili alcuni sti­lemi clas­sici del manga come gli occhi e le boc­che grandi dei per­so­naggi» spiega Luca Della Casa, diret­tore tec­nico del Future Film Festi­val e sele­zio­na­tore per l’area asiatica.

Il rac­conto ter­ri­bile di avve­ni­menti crudi ed estre­ma­mente dram­ma­tici è reso meno dif­fi­cile gra­zie alla media­zione del dise­gno, cosa che riguarda anche una sto­ria quasi del tutto dimen­ti­cata al cen­tro del film in con­corso Giovanni’s Island, rea­liz­zato da Mizuho Nishi­kubo nel 2014, dello stu­dio di pro­du­zione I.G., che ha otte­nuto premi e apprez­za­menti a nume­rosi festi­val. Non è scon­tato per un lun­go­me­trag­gio giap­po­nese vin­cere al pre­sti­gioso Festi­val d’animazione d’autore di Annecy come è acca­duto nella scorsa edizione.

Il film, rea­liz­zato senza effetti di com­pu­ter gra­fica, è uscito solo in Giap­pone, non è pre­vi­sta una distri­bu­zione ita­liana, anche se spesso in pas­sato il festi­val è stato un’utile vetrina che ha dato ottime chance ad alcuni lavori per essere poi distri­buiti. Ispi­rato a fatti real­mente acca­duti il film narra l’occupazione dell’armata rossa nell’isola giap­po­nese di Shi­ko­tan alla fine della seconda guerra mon­diale. Anche in que­sto caso la vio­lenza del con­flitto, le depor­ta­zioni, la morte, gli stenti, sono fil­trati dagli occhi di due fra­tel­lini. I fatti acca­de­vano molto lon­tano da dove erano state sgan­ciate le bombe ato­mi­che, la popo­la­zione civile dell’isola viveva ai mar­gini di quella grande tragedia.

Un film poe­tico e toc­cante, forse con qual­che nota sem­pli­ci­stica nel finale dove la riap­pa­ci­fi­ca­zione fra russi e giap­po­nesi a distanza di più di cinquant’anni appare un po’ sdol­ci­nata. In que­sto caso lo stile è più auto­riale, meno cari­ca­tu­rale rispetto a Bare­foot Gen, anche per non avere un manga di rife­ri­mento. Si tratta di una sto­ria ori­gi­nale nata per il cinema d’animazione che ha potuto man­te­nere una certa libertà di tratto. L’autore ha rac­colto le testi­mo­nianze di chi ha vis­suto que­gli avve­ni­menti da bam­bino poi ha costruito un rac­conto. Il film ini­zia con l’anziano Jun­pei che torna nell’isola dopo oltre cinquant’anni. Lì è nato, vis­suto e ha molti ricordi. Lo vediamo bam­bino insieme al fra­tello minore Kanta men­tre nel luglio del 1945 un attacco aereo li costringe a nascon­dersi in un rifu­gio. Il padre fa parte dell’esercito di difesa, il tempo scorre e nell’agosto dello stesso anno il Giap­pone si arrende. L’isola viene occu­pata dai sovie­tici, la loro casa viene requi­sita da una fami­glia russa dove vive una bam­bina di nome Tanya, con cui i due fra­telli faranno ami­ci­zia. La stalla diven­terà la loro nuova casa, il padre verrà arre­stato, e nel 1947, come tutti gli abi­tanti dell’isola, ver­ranno depor­tati in campi di pri­gio­nia a nord, in un luogo non ben defi­nito, vicino alla Rus­sia. Segui­ranno molte avven­ture alla ricerca del padre prigioniero.

Il freddo, la fame, la morte del pic­colo Kanta, poi final­mente il tanto sospi­rato ritorno in Giap­pone. Fino all’epilogo in cui il pro­ta­go­ni­sta si trova nei luo­ghi cari dell’infanzia. Que­sti due epi­sodi sto­rici giap­po­nesi, pur nelle dif­fe­renze, hanno molti tratti comuni, ma il tratto più inte­res­sante emerso dalla con­ver­sa­zione con Luca Della Casa, esperto e grande cono­sci­tore dell’animazione e i manga, è che non a caso il Giap­pone rive­ste un ruolo così impor­tante nel genere.

Non aver potuto espri­mersi per molti anni su temi deli­cati e impor­tanti ha spinto molti crea­tivi a cer­care altri lin­guaggi per farlo, spesso la fan­ta­scienza è stata un utile alleato per trat­tare argo­menti tabù usando meta­fore più o meno espli­cite. La tra­ge­dia dell’atomica è stata spesso un fil rouge sot­to­trac­cia, quell’immaginario ha for­te­mente con­di­zio­nato e impre­gnato molti lavori come God­zilla e molte altre pro­du­zioni post apo­ca­lit­ti­che. «La cul­tura pop della cul­tura anni ’60 è stata influen­zata dai bom­bar­da­menti» aggiunge Della Casa, «le meta­fore sul peri­colo ato­mico sono ricor­renti sia nel fumetto che nell’animazione, è evi­dente anche in Ken il guer­riero e in Akira. Spesso il pas­sato è stato riletto in chiave futu­ri­stica», per neces­sità aggiun­giamo noi.

BOLOGNA, 12/5/2015

http://ilmanifesto.info/hiroshima-i-bimbi-guardano-lorrore/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.