Ma la televisione ha detto che…

Tv e media: maneggiare con cautela, leggere attentamente le avvertenze. Un percorso per un uso consapevole.

La televisione ha detto che… a casa, a scuola, tra amici spesso si sentono frasi come questa.

E di fatto, offriamo a questo potente strumento, la possibilità di indirizzarci, di costruire le nostre opinioni, il nostro immaginario.

Quanto è oggettiva l’informazione che viene proposta in TV? Quanto siamo consapevoli del potere dell’informazione? Quanto siamo capaci di spirito critico?

Come sviluppare competenze e educarci a un uso utile della televisione e dei media?

Ci addentreremo dietro le quinte del media più usato, la televisione, allenandoci a riconoscere quando, come e perché viene suggerita una certa interpretazione dei fatti che ci lega in modo subdolo alla comprensione degli avvenimenti.

————————————————————————————————————————

Il percorso è completamente gratuito e limitato a massimo 12 partecipanti.

Proponiti spiegando bene i motivi del tuo interesse e lasciando anche un recapito telefonico.

Per info e pre-iscrizioni [email protected]

CALENDARIO E SEDI

mercoledì 22 aprile ore 14.30 – 16.30:
Comunicazione e media education
sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis,
via Garibaldi 13

mercoledì 29 aprile ore 14.30 – 16.30
Televisione e linguaggio cinetelevisivo
sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis
via Garibaldi 13

mercoledì 6 maggio ore 14.30 – 16.30
Narrare. Informare. Documentare la realtà
ITER via Modena 35

martedì 12 maggio ore 14-30 – 16.30
Tra le righe di un articolo. In bilico tra appetibilità e libertà di stampa.
INCONTRO APERTO AL PUBBLICO
sala Gandhi del Centro Studi Sereno Regis
via Garibaldi 13

Percorso in collaborazione con ITER Centro di Cultura per la Comunicazione e i Media e NuovaSocietà

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.