Come far passare un mammut attraverso una porta (senza tirarla giù)

venerdì 20 marzo 2015
ore 18.00, sala Gandhi, Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

cop_mammutPresentazione del libro, con l’intervento di Giovanni Zoppoli, educatore e fra i fondatori del centro territoriale ‘Mammut’ di Scampia, Napoli

In un momento difficile per la salute di ambiente, scuola e sociale una decina tra insegnanti, genitori e educatori percorre vie nuove alla ricerca dell’equilibrio perduto. Scansando le sirene del marketing (industria per l’infanzia, new age, facebookpatia, guru e persecutori vari) il pugno di avventurieri scopre e racconta vie nuove di liberazione dai banchi per adulti e bambini, fornendo una fotografia lucida e aggiornata sullo stato di salute di scuole e spazi pubblici. L’archetipo della “porta” e i suoi mille miti, utilizzati come sfondo integratore dell’intervento, smuove le porte del carcere, dell’aula, dei campi rom e più in generale di quella tra le due città. Con risultati sorprendenti, anche dal punto di vista quantitativo, ad esempio con un incremento di frequenza scolastica fino al 90% nelle classi con maggiore difficoltà. Prende così forma la possibilità di una scuola migliore per tutti, a partire proprio da una delle periferie più stigmatizzate d’Italia. Rafforzando l’idea di una didattica capace di incidere sugli acciacchi di natura e spazi pubblici urbani. Queste le 336 pagine di “Come far passare un Mammut attraverso una porta”, frutto della scrittura collettiva tra alunni e maestre di Scampia e dell’area nord di Napoli e dense di “prove”, spunti teorici e indicazioni pratiche sulle possibilità di una didattica salutare oggi. Pagine arricchite dalle illustrazioni di Luca Dalisi, con il contributo di 40 e più insegnanti, educatori, docenti, pedagogisti, filosofi, medici, psicoterapeuti, artisti, architetti e scrittori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.