La firma dei killer, noti alla polizia e ai servizi segreti – Manlio Dinucci

Veri e pro­pri com­man­dos, da come si muo­vono, da come spa­rano. Non a raf­fica per non spre­care car­tucce, ma con uno-due colpi su ogni vit­tima, come il poli­ziotto ferito, fred­dato con un solo colpo dal kil­ler che, con­ti­nuando a cam­mi­nare, rag­giunge la mac­china e, prima di salire, rac­co­glie con calma una scarpa caduta. Ma quando i due, con una pre­pa­ra­zione da forze spe­ciali, cam­biano mac­china, «dimen­ti­cano» (secondo la ver­sione della poli­zia) sulla prima vet­tura una delle loro carte di iden­tità. Fir­mano così uffi­cial­mente l’attentato. Poche ore dopo si cono­scono in tutto il mondo i loro nomi e le loro bio­gra­fie: «due pic­coli delin­quenti radi­ca­liz­zati, noti alla poli­zia e ai ser­vizi di intel­li­gence francesi».

Non può non tor­nare alla mente, in quello che viene defi­nito «l’11 set­tem­bre della Fran­cia», l’11 set­tem­bre degli Stati uniti: quando, poche ore dopo l’attentato alle Torri Gemelle, già cir­co­la­vano i nomi e le bio­gra­fie di quelli che veni­vano indi­cati come gli autori mem­bri di Al Qaeda.

I due pre­sunti autori (se le loro bio­gra­fie sono vere) appar­ten­gono a quel mondo sot­ter­ra­neo creato dai ser­vizi segreti occi­den­tali, com­presi quelli fran­cesi, che hanno finan­ziato, armato e adde­strato in Libia nel 2011 gruppi isla­mici fino a poco prima defi­niti ter­ro­ri­sti, tra cui i primi nuclei del futuro Isis; che li hanno rifor­niti di armi attra­verso una rete orga­niz­zata dalla Cia (docu­men­tata da un’inchiesta del New York Times nel marzo 2013) quando, dopo aver con­tri­buito a rove­sciare Ghed­dafi, sono pas­sati in Siria per rove­sciare Assad e attac­care quindi l’Iraq (nel momento in cui il governo al-Maliki si allon­ta­nava dall’Occidente, avvi­ci­nan­dosi a Pechino e a Mosca). L’Isis, nato nel 2013, riceve finan­zia­menti e vie di tran­sito da Ara­bia Sau­dita, Qatar, Kuwait, Tur­chia, Gior­da­nia, stretti alleati degli Usa e delle altre potenze occi­den­tali, tra cui la Fran­cia. Ciò non signi­fica che la massa dei mili­tati dei gruppi isla­mici, pro­ve­nienti anche da diversi paesi occi­den­tali, ne sia consapevole.

In attesa di altri ele­menti che pos­sano chia­rire la vera matrice dell’attentato in Fran­cia, è logico chie­dersi: a chi giova? La rispo­sta si trova in quanto ha dichia­rato Nico­las Sar­kozy, che come pre­si­dente della Fran­cia è stato uno dei prin­ci­pali autori del soste­gno ai gruppi isla­mici nella guerra di aggres­sione alla Libia: ha defi­nito l’attentato in Fran­cia «guerra dichia­rata con­tro la civiltà, che ha la respon­sa­bi­lità di difen­dersi». Si vuole in tal modo con­vin­cere l’opinione pub­blica che l’Occidente è ormai in guerra con­tro chi cerca di distrug­gere la «civiltà», che esso imper­so­ni­fica, e deve dun­que «difen­dersi» poten­ziando le sue forze mili­tari e pro­iet­tan­dole ovun­que nel mondo sca­tu­ri­sca tale «minac­cia». Si cerca in tal modo di tra­sfor­mare il sen­ti­mento di massa per le vit­time della strage in mobi­li­ta­zione per la guerra. Il David, che a Firenze è stato listato a lutto, è chia­mato ora a impu­gnare la spada della nuova santa crociata.

il manifesto,  8.1.2015

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.