Hong Kong, sotto l’ombrello – Manlio Dinucci

Di fronte alla «Umbrella Revo­lu­tion» (defi­ni­zione made in Usa), il governo bri­tan­nico si dice «pre­oc­cu­pato» che a Hong Kong siano garan­titi «i fon­da­men­tali diritti e le fon­da­men­tali libertà».

Lon­dra su que­sto può dare lezione.

Nell’Ottocento gli inglesi, per pene­trare in Cina, ricor­rono allo smer­cio di oppio che por­tano dall’India, pro­vo­cando enormi danni eco­no­mici e sociali. Quando le auto­rità cinesi con­fi­scano e bru­ciano a Can­ton l’oppio imma­gaz­zi­nato, inter­ven­gono le truppe inglesi costrin­gendo il governo a fir­mare nel 1842 il Trat­tato di Nan­chino, che impone tra l’altro la ces­sione di Hong Kong alla Gran Bre­ta­gna. Da allora fino al 1997 Hong Kong è colo­nia bri­tan­nica, sotto un gover­na­tore inviato da Lon­dra. I cinesi sono sfrut­tati dai mono­poli bri­tan­nici e segre­gati, esclusi anche dai quar­tieri abi­tati da bri­tan­nici. Scio­peri e ribel­lioni ven­gono dura­mente repressi.

Dopo la nascita della Repub­blica popo­lare nel 1949, Pechino, pur riven­di­cando la sovra­nità su Hong Kong, la usa come porta com­mer­ciale, favo­ren­done lo svi­luppo. L’Hong Kong rian­nessa alla Cina quale regione ammi­ni­stra­tiva spe­ciale, con 7,3 milioni di abi­tanti su quasi 1,4 miliardi della Cina, ha oggi un red­dito pro­ca­pite di 38420 dol­lari annui, più alto di quello ita­liano, quasi il sestu­plo di quello della Cina. Ciò per­ché Hong Kong, quale porta com­mer­ciale cinese, è il 10° espor­ta­tore mon­diale di merci e l’11° di ser­vizi com­mer­ciali. Inol­tre, essa viene visi­tata ogni anno da oltre 50 milioni di turi­sti, dei quali 35 milioni cinesi. La cre­scita eco­no­mica, pur ine­gual­mente distri­buita (vedi il sot­to­pro­le­ta­riato locale e stra­niero che campa con «l’arte di arran­giarsi»), ha por­tato a un gene­rale miglio­ra­mento delle con­di­zioni di vita, con­fer­mato dal fatto che la durata media della vita è salita a 84 anni (rispetto a 75 nell’intera Cina).

Il movi­mento stu­den­te­sco nato a Hong Kong per chie­dere che l’elezione del capo di governo sia diretta e non con­di­zio­nata da Pechino, è for­mato da gio­vani appar­te­nenti in genere agli strati sociali avvan­tag­giati dalla cre­scita eco­no­mica. Su que­sto sfondo si pone la domanda: per­ché, men­tre si igno­rano cen­ti­naia di milioni di per­sone che in tutto il mondo lot­tano ogni giorno per i più ele­men­tari diritti umani in con­di­zioni ben peg­giori, si tra­sfor­mano alcune migliaia di stu­denti di Hong Kong, al di là delle loro stesse riven­di­ca­zioni, in icona glo­bale di lotta per la democrazia?

30ultima-hong-kong-f01

La rispo­sta va cer­cata a Washing­ton. Gli ispi­ra­tori e i capi di quello che viene defi­nito «un movi­mento senza lea­der» – dimo­stra un’ampia docu­men­ta­zione – sono col­le­gati al Dipar­ti­mento di stato e a sue ema­na­zioni sotto forma di «orga­niz­za­zioni non-governative», in par­ti­co­lare la «Dona­zione nazio­nale per la demo­cra­zia» (Ned) e l’«Istituto demo­cra­tico nazio­nale» (Ndi) che, dotate di ingenti fondi, sosten­gono «gruppi demo­cra­tici non-governativi» in un cen­ti­naio di paesi.

Due esempi fra i tanti. Benny Tai, il docente di Hong Kong che ha lan­ciato il movi­mento «Occupy Cen­tral» (vedi il «South China Mor­ning Post» del 27 set­tem­bre), è dive­nuto influente gra­zie a una serie di forum finan­ziati da que­ste «ong». Mar­tin Lee, fon­da­tore del «Par­tito demo­cra­tico» di Hong Kong, è stato invi­tato a Washing­ton dalla Ned e, dopo un brie­fing tele­tra­smesso (2 aprile), è stato rice­vuto alla Casa Bianca il 7 aprile dal vice-presidente Biden.

Da que­sti e altri fatti emerge una stra­te­gia, ana­loga a quella delle «rivo­lu­zioni colo­rate» nell’Est euro­peo, che, stru­men­ta­liz­zando il movi­mento stu­den­te­sco, mira a ren­dere Hong Kong ingo­ver­na­bile e a creare movi­menti ana­lo­ghi in altre zone della Cina abi­tate da mino­ranze nazionali.

il manifesto 7 ottobre 2014

http://ilmanifesto.info/hong-kong-sotto-lombrello/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.