Il Giappone e la comunità mondiale – Johan Galtung

Da Osaka, Kyoto

Oggi il Giappone avrebbe potuto essere una potenza mondiale guida.

Non una potenza militare imperial-coloniale del XIX secolo, bensì una potenza pacifica come la Svizzera, solo molto più grande. Se i suoi dirigenti politici avessero pienamente accettato la costituzione di pace con l’articolo 9 – finalmente nominata per il Premio Nobel per la Pace – che priva il Giappone del diritto alla guerra, con lo stesso entusiasmo della sua popolazione. Un recente sondaggio d’opinione pubblica ha indicato che i 2/3 della popolazione, 63%-64%, sono contrari alla difesa collettiva e alla revisione dell’articolo 9.

Non che l’art.9 – contro la guerra, non a favore della pace – sia perfetto. Tradito da politici che lo “interpretano” e usato da comodo cuscino per il sonno del movimento per la pace, avrebbe dovuto essere integrato con due solidi pilastri, come la difesa difensiva e la pace positiva.

, il mondo può essere un luogo pericoloso, qualcuno potrebbe attaccare. Al fine di non provocare attacchi e costose corse agli armamenti, si affronti la guerra sul proprio terreno, con una difesa dei confini convenzionale (armi a breve gittata, addirittura fisse, nulla d’offensivo), una difesa paramilitare (milizia) e una difesa non-militare (non-cooperazione se occupati). Un insieme di proposte forti.

No, il mondo non è così pericoloso. Possiamo imparare come risolvere i conflitti di oggi e di domani, e riconciliare i traumi non guariti di ieri; e come cooperare con altri per un beneficio reciproco e uguale – equità – e sviluppare abbastanza empatia per sapere come si sentono gli altri.

Un Giappone potenza di pace avrebbe sviluppato competenza in tutto ciò, diventando un anfitrione che assiste i contendenti in conflitto, e propagando l’articolo 9 ovunque.

Un Giappone potenza di pace avrebbe abolito le centrali elettro-nucleari per non essere sospettato di produrre plutonio ad alto grado di arricchimento (utilizzabile per scopi militari, ndt), e si sarebbe unito ai vicini in comunità asiatiche dell’Est e del Nord Est. Le isole Senkaku-Diaoyu e Takeshima-Dockdo potrebbero essere di proprietà comunitaria, dividendone i ricavi, 40% al Giappone, 40% a Cina e Corea e 20% alla comunità d’appartenenza.

Un tale Giappone potenza di pace sarebbe stato ammirato come pioniere di una comunità mondiale migliore, e rispettato ed emulato – non temuto.

La sua voce non sarebbe stata l’eco del suo padrone, ma una voce di pace proveniente da un suo praticante. Altri investirebbero e commercerebbero, non rischiando la guerra. E altri aggressivi sarebbero dissuasi dall’attaccare.

Ma l’attuale regime rammenta alla comunità mondiale il Giappone militarista-nazionalista, di Hideyoshi-Showa. Sottostante al quale c’è un’infrastruttura economica basata sull’“easing” (agevolazione) – eufemismo per il conio di moneta come gli aggressori USA & UK – con un 2% d’ inflazione che fa male ai consumatori anziché una deflazione che fa male agli affari. La svalutazione dello yen giapponese condusse a un’esportazione cresciuta meno di quanto ci si aspettasse e (Le Monde Diplomatique gennaio 2014) al più alto deficit commerciale dal 1979 con prezzi superiori particolarmente per alimentari ed energia. La disoccupazione è bassa, ma 35% dei posti di lavoro sono a tempo parziale-temporanei, e il reddito reale cala. La miseria può essere un suolo fertile per il nazionalismo, e il Giappone militarista adesso fa soldi esportando armi perfino a paesi in guerra, interna o esterna.

Anziché equità ed empatia, ai vicini chiave, Cina e Sud Corea, si serve provocazione con la visita dei primi ministri al reliquiario Yasukuni che onora i soldati giapponesi, anche quelli criminali di guerra, essendo le scuse considerate “masochiste”, e un nazionalismo smaccato nei libri di testo scolastici autorizzati.

Il maggior quotidiano giapponese Asahi Shimbun ha svolto un sondaggio d’opinione:

Tema Risposta Giappone Cina S-Corea
Problemi di guerra sistemati?

No

48%

47%

10%

88%

3%

97%

Visita al reliquiario Yasukuni OK?

No

41%

47%

0%

95%

1%

97%

Politica di pace post-bellica finora OK?

No

93%

4%

36%

62%

19%

79%

Futura politica di pace sarà OK?

No

74%

17%

21%

77%

14%

82%

Il Giappone è diviso a metà e i due vicini sono quasi unanimi contro le politiche giapponesi; La Corea anche più che la Cina (l’aggressione alla Corea risale al 1910 rispetto a quella del 1931 contro la Cina).

Più di 60 anni postbellici sprecati, ora peggio che mai, di sentimenti maledicenti; la loro riflessione: il Giappone può rifarlo.

Perché una politica così assurda? Un fattore è l’idea del Giappone di avere non solo il diritti, bensì il dovere di allevare e proteggere i propri vicini. Ma “Asia per l’Asia” divenne rapidamente “Asia per il Giappone”– Hideyoshi-Showa.

Altro fattore è la sottomissione al vincitore della guerra del Pacifico, desiderando essere il numero 2 regionale dopo gli USA; se il Giappone non può essere il numero 1.

Questo ci porta al tema fondamentale: le centrali nucleari avevano prodotto plutonio ad alto grado di arricchimento. La rivelazione che il plutonio era stato affidato agli USA per tenerlo al sicuro è arrivata senza sorpresa. Gli impianti furono costruiti sulla costa per un facile accesso dei sottomarini USA?

Il Giappone non ha bisogno di quell’energia nucleare e tutti e due potrebbero e dovrebbero denuclearizzarsi; dopo Fukushima con 100.000 profughi nucleari.

Hiroshima-Fukushima. Il Giappone è stato incapace di trattare il proprio trauma da cavia per due bombe nucleari dopo una capitolazione di fatto. Citate a mala pena in pubblico, note a tutti, il che vuol dire represse nel subconscio collettivo, il luogo peggiore, cui facilmente attinge un leader che vuole che gli USA assaggino un po’ dello stesso. Dalla servilità – perfino umiliati da un americano imposto nell’ufficio del primo ministro per vigilare sulla comunicazione su Fukushima – all’ aggressione il passo è breve. Molto meglio è un atteggiamento neutrale, né servile, né ostile.

Il padrone USA sta adesso rapidamente perdendo quota con fallimenti dappertutto, perfino in Medio Oriente e in Ucraina. Così anche nel Pacifico, persino il Giappone ha problemi con una “partnership trans-pacifica” che ridurrà ancor peggio i consumatori. E un Giappone nei guai non sarà salvato dagli USA, ma gettato via come “passività” se non servisse più gli interessi USA, come il Sud Africa – e un giorno Israele.

Svegliati, Giappone. Non c’è bisogno di scegliere fra USA e Cina; sii neutrale, in termini amichevoli con entrambi. Immaginiamo un Giappone trilingue con l’inglese e il cinese, che abbondanza! Accetta l’invito dell’Asia dell’Est e del Nord Est di congiungere le loro famiglie, come la Germania e il Sud Africa hanno congiunte le loro.

Diventa Giappone, potenza di pace.

14 aprile 2014

  1. Traduzione di Miky Lanza per il Centro Sereno Regis

Titolo originale: Japan and the World Community

https://www.transcend.org/tms/2014/04/japan-and-the-world-community/

2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] accesso dei sottomarini USA?» (Johan Galtung, Il Giappone e la comunità mondiale, 14 aprile 2014, https://serenoregis.org/2014/04/18/il-giappone-e-la-comunita-mondiale-johan-galtung/). Questo conferma ancora una volta come il nucleare civile e quello militare siano due facce, […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.