Arte, pace e nonviolenza: quali legami? II parte – Seminario di estetica nonviolenta

sabato 12 aprile 2014 – ore 10:00 – 12:30
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

In occasione della mostra di arti figurative Esperimenti di arte e nonviolenza, il gruppo di lavoro Arti Figurative del progetto Irenea: cinema e arte per la pace propone un’opportunità di riflessione intorno al rapporto fra arte e nonviolenza, come sviluppo della prima sessione del seminario di estetica nonviolenta tenuto durante l’inaugurazione delle sale Poli e Magosso dello scorso novembre. In questa seconda sessione sono previsti gli interventi di Cecilia Leuzzi e Mina D’Elia che dialogheranno con i partecipanti insieme a Nanni Salio e Marco Scarnera (Centro Studi Sereno Regis). L’ingresso è libero.

In programma

Cecilia Leucci*: “Per una didattica della nonviolenza: il movimento A.no.Vi. e la fluida educazione all’arte”

Breve excursus sulle origini e gli obiettivi del movimento A.no.Vi., con particolare riferimento alle azioni artistiche sinora ideate e sviluppate, ai risultati ottenuti, al coinvolgimento dei cittadini e alle finalità formative del movimento

Mina D’Elia**: “Be Peluche!: una piccola azione d’arte necessaria”

Descrizione e risultati dell’azione di art mob tenutasi a Villa Baldassari (LE) tra gennaio e marzo 2014

* Critico d’arte e curatore, si occupa di arte contemporanea per enti pubblici e privati, con particolare attenzione verso performance e fotografia. Critico di riferimento del movimento A.no.Vi, ha all’attivo numerose esposizioni e pubblicazioni. É socio fondatore dell’associazione culturale “Positivo Diretto” con la quale riflette sulle tematiche di public ed urban art. Si occupa anche di progettazione e formazione culturale. Per approfondimenti:

http://www.arsmeteo.it/arsmeteo/main.php?page=approfondimenti&id=10845&height=640&width=800
http://www.lobodilattice.com/post/una-cascata-bambole-contro-labbrutimento-intellettuale

** Nasce a Villa Baldassarri (LE) nel 1952. Artista visiva e performativa, dedica la propria ricerca artistica alle tematiche femminili, ambientali e sociali. Fortemente impegnata nel coinvogimento del pubblico, utilizza la performance per trasmettere emozioni ed input di cambiamento. Collabora spesso con enti pubblici e privati, ma è anche attiva nella dimensione indipendente dell’arte.

Scarica la locandina relativa all’iniziativa

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.