Evento di Pace Sarajevo 2014

Zaira Zafarana

Da un Mondo di Guerra e Violenza a una Cultura di Pace e Nonviolenza

Group Picture Third Preparatory Meeting Sarajevo Peace Event 130907Il 6-9 settembre 2013 si è svolto, presso l’Hotel Grand di Sarajevo, il terzo incontro preparatorio per programmare le tante iniziative di pace che si svolgeranno a Sarajevo dal 6 al 9 giugno 2014.

Il 2014 segna il centenario dell’inizio della prima guerra mondiale, che seguì l’assassinio dell’erede al trono austro-ungarico, avvenuto a Sarajevo il 28 giugno 1914.

Questa data può essere considerata simbolica in un secolo di “cultura di guerra e violenza” con due guerre mondiali e numerose altre a livello regionale – tra cui quella nell’Ex Jugoslavia negli anni ’90 in cui vi fu l’assedio di Sarajevo nella così detta “ultima guerra in Europa”–, così come il dilagare a livello globale della violenza strutturale e culturale.

Ciò nonostante il ventesimo secolo e l’inizio del ventunesimo hanno anche visto comparire a livello mondiale l’emergere di azioni nonviolente e iniziative alternative alla guerra e alla violenza, e un incremento degli sforzi per una giustizia globale e sociale, per i diritti umani, per la pace e per la riconciliazione, che si è riflesso nella proclamazione del Decennio Internazionale per una Cultura di Pace e Nonviolenza (2001-2010) da parte dell’ONU.

L’idea di realizzare un grande evento di pace a Sarajevo è maturata nel corso di alcuni incontri internazionali svoltisi nell’ambito del progetto Grundtvig “10 Years of Peace”, conclusosi nel 2012.

Da allora è diventato operativo un Comitato coordinatore al cui interno sono presenti rappresentanti di organizzazioni di diversi paesi quali ad esempio Austria, Bosnia, Francia, Germania e Ungheria; per l’Italia partecipano attivamente Comitato italiano per una cultura di Pace e Nonviolenza (di cui fanno parte anche il Centro Studi Sereno Regis, il Movimento Internazionale della Riconciliazione, il Movimento Nonviolento e Pax Christi) e IPRI-ReteCCP.

Il primo incontro preparatorio si è svolto a Sarajevo a settembre 2012 e ha visto la partecipazione di numerose organizzazioni anche locali; successivamente nel marzo 2013 ha avuto luogo sempre a Sarajevo il secondo incontro preparatorio durante il quale sono state definite le diverse tipologie di attività che verranno proposte durante l’Evento di Pace di Sarajevo 2014.

L’intento è quello di creare:

  • Un luogo di incontro e scambio per attivisti, esperti e ricercatori della pace e della nonviolenza attiva.

  • Un’opportunità per valutare i risultati e le difficoltà legate alla pace e alla nonviolenza in Europa.

  • Un’opportunità per presentare le diverse componenti di una Cultura di Pace e Nonviolenza.

  • Uno spazio per creare iniziative congiunte per lo sviluppo della Cultura di Pace.

Nel corso delle quattro giornate programmate per giugno 2014 saranno organizzate:

  • Sessioni plenarie, approfondimenti, laboratori e tavole rotonde sulle tematiche proposte;

  • Una fiera di pace, con la presentazione di diverse organizzazioni, esposizioni e manifestazioni; musica e film festival;

  • Eventi pubblici, azioni di strada, esibizioni artistiche, animazione nelle/con le scuole;

  • Un campo giovani internazionale.

Nel corso del terzo incontro preparatorio si sono attivati gruppi di lavoro tematici con l’obiettivo di coinvolgere organizzazioni e associazioni locali e internazionali nella realizzazione di attività specifiche; l’ultima giornata di lavoro si è inoltre svolta una conferenza stampa con la presentazione ufficiale dell’Evento ai media locali.

Il prossimo incontro preparatorio per tutte le organizzazioni coinvolte nella realizzazione dell’Evento si svolgerà a Sarajevo a marzo 2014; nel frattempo i diversi gruppi di lavoro, composti da partecipanti locali ed internazionali, proseguiranno nella programmazione e definizione delle diverse iniziative che verranno proposte.

È possibile reperire ulteriori informazioni e aggiornamenti sulla programmazione dell’Evento sul sito dedicato www.peaceeventsarajevo2014.eu

2 commenti
  1. Gianmarco Pisa
    Gianmarco Pisa dice:

    E' opportuno precisare che, a proposito di IPRI – Rete CCP, non l'intera rete aderisce e partecipa al processo del Sarajevo Peace Event 2014 e quindi chi rappresenta le associazione della rete che vi hanno aderito non rappresenta IPRI – Rete CCP "in quanto tale". Come peraltro deliberato anche nell'occasione dell'ultimo Consiglio di IPRI – Rete CCP stessa: http://reteccp.org/consiglio/Verbale9giugno2013.p…. Grazie per la completezza del report e per lo spazio riservato a questa precisazione.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.