L’amianto e il mondo. Da Casale a Mumbay

martedì 4 e mercoledì 5 giugno 2013
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi 13, Torino.

Rassegna di documentari sull’amianto

Programma:

martedì 4 giugno 2013

ore 14.00: Indistruttibile (60’) di Michele Citoni (2004) presentato al concorso nazionale “Roberto Gavioli”, Museo Industria e Lavoro (Musil) di Brescia.

ore. 15.15: Toxic Trade (27’ – in inglese) Reportage tv ABC Australia

ore 15.45: La fabbrica (40’) di Dario Cambiano e Patrizia Corgnati (Quartarete TV)
ore 16.30: Dibattito con gli autori.

mercoledì 5 giugno 2013

ore 14.00: La multinazionale delle vittime (56’), di Gaetano Agueci, Dinorah Cervini e Maria Roselli.

ore. 15.10: Canada’s ugly secret (16’- in inglese), Reportage CBC canadese

ore 15.30: Polvere (85’), di Andrea Prandstraller e Niccolò Bruna (2011). Al termine della proiezione è previsto il dibattito con gli autori.

India-cutting-asbestos-cementDallo scorso febbraio sono in corso a Torino le udienze del processo di appello per disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche contro i proprietari e amministratori dell’Eternit, la multinazionale dell’amianto. La giustizia segue il suo corso, la sentenza è attesa a inizio giugno 2013, ma non risolverà tutti i problemi: nei luoghi infestati dalle fibre d’amianto ci si continua ad ammalare e si muore, in attesa delle risorse per la bonifica e l’attuazione del Piano Nazionale di coordinamento per l’assistenza, la ricerca e la cura delle malattie da amianto. Occorre mantenere l’attenzione sul processo e su questa vertenza democratica, che non è solo torinese e italiana, ma universale, perché l’unica risposta possibile alla globalizzazione degli interessi del mercato è la globalizzazione dei diritti alla salute, all’ambiente salubre e a un lavoro non nocivo e solidale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.