Obiezione di coscienza in Turchia. Incontro con Ilgur Bilkai

martedì 9 aprile 2013 – ore 18.00
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

In Turchia l’obiezione di coscienza al servizio militare non è prevista, pertanto coloro che rifiutano di svolgere il servizio di leva vengono denunciati, processati e incarcerati.

Grosso modo è del tutto simile quanto avveniva in Italia prima dell’approvazione della legge 772 del 15/12/1972.

Scontata la pena l’obiettore viene nuovamente chiamato a svolgere il servizio militare e al nuovo rifiuto una nuova condanna…

La Turchia è stata più volte richiamata al rispetto dei diritti umani e a seguito della sua richiesta di entrare far parte della Comunità Europea (CEE), una delle clausole cui deve ottemperare è quella di legiferare per il riconoscimento dell’obiezione di coscienza al servizio militare.

In Europa vivono circa 1 milione di persone definite “disertori” che hanno rifiutato di svolgere il servizio militare in Turchia. In gran parte sono di origine del Kurdistan e i motivi di rifiuto del servizio militare è dovuto al fatto che le forze armate in Turchia svolgono un controllo ferreo sulla società e sono considerate più come elemento di repressione delle libertà individuali che come elemento di difesa dello stato, e in particolare nel Kurdistan la popolazione subisce la presenza dell’esercito che ha funzioni di controllo, repressione, limitazione delle libertà e al limite applica anche la tortura.

Ne parleremo con Ilgur Bilkai obiettore di coscienza del Kurdistan. Ilgur Bilkai è stato riconosciuto come “rifugiato politico” dal governo italiano e attualmente vive a Torino.

La registrazione video dell’incontro: http://www.ustream.tv/recorded/31201633

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.