Eco-sepoltura: la morte a impatto zero

«In diversi paesi sta crescendo la consapevolezza dei problemi legati a una sepoltura artificiosa, e si stanno diffondendo forme di inumazione a basso impatto ambientale. Ogni anno vengono abbattuti 50 chilometri quadrati di bosco per costruire casse da morto, che una volta interrate inquinano il suolo con zinco, vernici e altri materiali di rifinitura. In Inghilterra il 64% dell’opinione pubblica è favorevole all’idea del “funerale verde” e sotto questa spinta sono già sorte pompe funebri che offrono pacchetti a scarso impatto ambientale: bare completamente biodegradabili in cartone riciclato impreziosiste con pittura biodegradabile, feretri più raffinati in bambù intrecciato (…)».

Qualche informazione: Natural Death Centre; Green Burial; una ditta di Novara ha messo sul mercato bare in Materbi; due designer milanesi hanno creato Capsula mundi, un contenitore a forma di uovo, totalmente biodegradabile, in cui il corpo è deposto in posizione fetale, per poi essere sepolto nel terreno, come un bulbo vegetale, sopra cui viene piantato un albero). Anche la cremazione pare avere l’unico vantaggio di risparmiare suolo e spazio, ma «produce troppa anidride carbonica e mercurio» («Mercury emission from crematoria» di A. Santarsiero, G. Settimo e E. Dell’Andrea, 369 Ann. Ist. Super. Sanità 2006, vol. 42, n. 3; 369-373)

«La morte dovrebbe essere il momento in cui l’uomo torna a far parte integrante della natura da cui ha avuto origine ma, mentre tutte le creature viventi di questo mondo si servono della grande impresa funebre che è Madre Terra, l’uomo non lo ha mai fatto».

Ma, forse quei popoli che lasciano i corpi a decomporsi sugli alberi, magiati dagli uccelli l’hanno fatto (e da qualche parte magari lo fanno ancora).

Strano agomento per una «Pillola» di semplicità volontaria, dite? Forse devo raccontarvi quello che è capitato a me, quando si è trattato di seppellire mio padre. Durante uno dei nostri viaggi mi aveva confessato che se fosse stato per lui avrebbe desiderato «sapere» che si avvicinava la morte e allora sarebbe andato su una nave e si sarebbe buttato giù (forse perché aveva fatto il militare in Marina?); oppure gli sarebbe piaciuto essere avvolto in un lenzuolo. Be’, non è successo nulla di questo: è morto in ospedale e le Pompe (ecco sì, proprio «Pompe», nel senso di «pompose») Funebri locali lo hanno vestito, calzato, truccato, gli hanno fatto il nodo – orribile – alla cravatta e hanno completato il tutto con un «velo» sul viso. Altro che semplicità, altro che «morire come termine del nostro ruolo e ritorno alle origini». Ma non solo: al momento di scegliere la bara ho optato per quella più semplice, quella in fondo al catalogo, quella di abete, senza maniglie, senza decori, chiara. L’ho indicata – un po’ «contenta» che almeno quella potesse essere una cosa che sarebbe piaciuta anche a mio padre – e il signore «pomposo» mi dice con un filo di voce: «Veramente quella è per la cremazione; non si può usare quella». Così il funerale di mio padre non è stato come lui avrebbe voluto, di questo sono sicura.

E allora ho pensato (era il 1995), e penso ancora, che è bene riflettere anche sulla morte e sul dopo-morte, come facenti parte della vita. E se si intende condurre una vita «volontariamente semplice» è il caso di pensare anche a una morte «volontariamente semplice»… potendo.

Fonte: «aam terra nuova» del 23 novembre 2008

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.