Cinema | La parte degli angeli

Enrico Peyretti

La parte degli angeli, film di Ken Loach

 La trappola della violenza

Ken Loach a Torino. Foto di Enzo Gargano

Un ragazzo di Glasgow, Robbie, si è messo nei guai: pieno di coca picchia terribilmente e rovina un ragazzo come lui, per una sciocchezza. Gli va bene, questa volta: condannato ai lavori sociali. Lo salverà la vicinanza graziosa della sua ragazza, l’umanità di alcune persone, che “hanno avuto una possibilità” e vogliono darla anche a lui, e inoltre un bel po’ di fortuna, quella che aiuta gli audaci e che serve a Ken Loach per tirare avanti fino al lieto fine. Scoprirete cos’è la parte degli angeli.

Ma il problema del film è il destino che pesava sul ragazzo: l’odio tra due famiglie, a suon di tremende scazzottature e minacce peggiori. I loro padri si picchiavano già da ragazzi a scuola. I figli sono condannati a continuare. Come la Giulietta di Romeo, Leonie, la ragazza di Robbie, è dell’altra famiglia. Tra 5.00 sterline del suocero purché se ne vada, e restare con Leonie, Robbie sceglie Leonie. Gli costa un’altra scarica di pugni. Ma nasce il bambino, Luke, e Robbie gli giura commosso che non avrà una vita come la sua.

Però, l’occasione ridesta l’istinto di rendere violenza per violenza: è come una condanna storica, una tara nel sangue. «Non si esce dalla trappola», si dispera Robbie.

La storia è anche una parabola dei conflitti tra popoli, stati, culture; di quella filosofia della storia in cui la violenza è regina inamovibile. Il nostro Robbie uscirà dalla trappola – speriamo – perché è astuto, nel senso buono, come un gatto, e sa vedere le occasioni, le vie d’uscita. Si specializza sul whisky e questo gli darà un lavoro pulito, si spera. Pazienza se il precetto di non rubare, per una volta, non è rispettato al 100%. Del resto ti stavano rubando la vita, tua e di Leonie e Luke. E poi, quei signori del whisky super-pregiato (non so se sia pubblicità o invenzione) non ci soffriranno molto. Anche l’astuzia può tirar fuori dalla trappola della violenza.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.