Gianfranco Zavalloni: un bravo maestro – Nanni Salio

Ci siamo conosciuti durante i campi estivi organizzati negli anni 1980 dal “coordinamento degli insegnanti per la nonviolenza”, in quel di Barbiana e in altre località, lui poco più che ventenne, capo scout e maestro. Le esperienze educative di don Milani, Gandhi, Capitini, Dolci, hanno dato i loro frutti e Gianfranco ha cominciato a lavorare alacremente nella sua Cesena e non solo.

Ci siamo incrociati di nuovo quando si è tentato di dar vita alla rete degli “ecoistituti” in Italia: lui con il “centro per le tecnologie appropriate” di Cesena, noi con “l’ecoistituto del Piemonte Pasquale Cavaliere”, Michele Boato con “l’ecoistituto del Veneto, e altri ancora, ma pochi.

E poi, inesorabile, arriva “nostra sorella morte”, senza darci il preavviso, senza permetterci di portare a termine i nostri progetti, senza avvertire gli amici e le amiche. Ma Gianfranco ci ha lasciato molti doni, frutto della sua passione educativa e della sua intelligenza unita a determinazione e modestia. E’ un tesoro al quale continueremo ad attingere nei prossimi anni.

Come ha saputo dire poeticamente Michele Boato, il 19 agosto Gianfranco è volato via:

splende il sole d’agosto
piange mar di Romagna

Gianfranco ha disegnato
le sue ultime vele

a Milano marittima
poi se n’è andato

è salito in mezzo ai gabbiani
sulla sua bici volante

da Cesena fino al Brasile
coltivando orti di pace

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.