Tanto il tempo non si ferma…

«È iniziato il 2012. Meno 1!»

Adesso manca «solo» un anno alla fine dell’importazione dei prodotti e al commercio dei singoli ingredienti testati sugli animali.

Di che parlo? Dei cosmetici, e dei test che le aziende fanno sui poveri animali. Non dimentichiamoci di questo problema, perché se dal 2004 i cosmetici (finiti) testati sugli animali non possono più essere venduti in Europa, è solo dal 2013 che saranno vietati anche gli ultimi test su alcuni ingredienti con cui si producono i cosmetici.

Dunque, buon proposito per l’anno nuovo:

se proprio dobbiamo acquistiamo solo prodotti di aziende che non testano i cosmetici sugli animali. Dove troviamo l’elenco? Visitando il sito www.lav.it (LAV, per chi non lo sapesse, significa Lega Anti-Vivisezione).

Anzi, meglio ancora: non trucchiamoci, non tingiamoci i capelli, non mettiamoci lo smalto (che poi fra l’altro dobbiamo toglierlo con aggressivi liquidi inquinanti);

limitiamo l’uso di creme miracolose (solitamente inutili per lo scopo che ci illudono di perseguire… Vedi titolo di questa «pillola»)…

Ricordiamoci che praticamente tutti i prodotti cosmetici (compresi shampoo, balsami, saponi ecc.) che troviamo in vendita sugli scaffali dei supermercati sono testati sugli animali, prima o poi.

Come può (… uno scoglio, argnare il mare…no) una crema che ha causato sofferenza restituirci bellezza?

Pillole di semplicità volontaria (a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.