(La) lotta (universitaria) continua – Recensione di CInzia Picchioni

Bruno Maida (a cura di), Senti che bel rumore. Un anno di lotta per l’università pubblica, aAccademia University Press, Torino 2011, pp. 232, € 5,00

Grafica impeccabile, primo titolo che ricorda Fiorella Mannoia, gruppo di professionisti a gestirla, è nata una nuova casa editrice a Torino. Nuova in tutti i sensi:

vista il libro è bello, bello il formato, accattivanti i caratteri scelti, bellissima la carta avoriata degli interni;

tatto il cartoncino per la copertina è piacevole da toccare, ruvido e della giusta rigidezza; odorato il profumo dei libri è sempre evocativo e questo non fa eccezione;

udito già nel titolo del prim libro – Senti che bel rumore – c’è il coinvolgimento del quarto senso, mentre il sottotitolo – Un anno di lotta per l’università pubblica – coinvolge il

gusto, perché il libro è anche buono negli intenti, quello dei protagonisti della mobilitazione (ricercatori, precari, studenti) di testimoniare, in un esercizio di memoria collettiva, le tappe di un anno – per fortuna passato – vissuto con grande intensità per tentare di contenere gli effetti negativi della riforma, costruendo nel contempo una prospettiva diversa.

La casa editrice – aAccademia university press – ha già pubblicato altri due libri:

Paola Bianchi e Giacomo Jori (a cura di), Figure della paternità dell’Ancien Régime. Atti di un seminario dell’Università di Aosta, 24 giugno 2009; e F.W.J. Schelling, Invito alla filosofia, le lezioni – per la prima volta tradotte in italiano – tenute da Schelling a Monaco nell’estate del 1830.

aAccademia university press nasce con l’intento di rispondere alle sfide poste dalle ristrettezze di bilancio e ottenere risultati impeccabili anche con risorse limitate.

«Le esigenze del committente possono essere tradotte in soluzioni contrattuali (…) flessibili (…) è possibile permettere l’accesso alla pubblicazione anche allo studioso a inizio carriera».

Editoria nuova, bella, economica, fatta da professionisti… che altro desiderare? Altre notizie e preventivi? Scrivete a [email protected] e i libri segnalati sono a disposizione presso la Biblioteca del Centro Studi Sereno Regis.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.