Democrazia multilivello e beni pubblici

Una risposta possibile alla crisi di governance europea e mondiale
mercoledì 14 dicembre 2011 – ore 17.30 – 19.30
Fondazione Luigi Einaudi, Via Principe Amedeo, 34 – Torino

Intervengono:
Giampiero Bordino, Centro Einstein di Studi Internazionali
Andrea Giorgis
, professore di Diritto costituzionale, Università di Torino
Guido Montani,
professore di Economia politica internazionale, Università di Pavia

Introduce e modera: Luigi Bonanate, Centro studi Piero Gobetti

Il dibattito intende affrontare e approfondire i temi, fra loro collegati, della fornitura dei beni pubblici necessari allo sviluppo e alla convivenza civile e dei diversi livelli istituzionali, da quello locale a quello globale, che li devono necessariamente garantire.
La crisi attuale può essere “letta” alla luce di due fondamentali problemi irrisolti: da un lato quello del rapporto fra beni pubblici (e comuni) e beni privati, d’altro lato quello della costruzione, e dell’adeguato (in termini sia di legittimazione sia di efficacia) funzionamento dei molteplici e diversi livelli istituzionali necessari alla fornitura dei beni pubblici. La crisi attuale nasce in sostanza da una carente fornitura di fondamentali beni pubblici (sicurezza internazionale, stabilità monetaria e finanziaria, coesione sociale, sostenibilità dello sviluppo, conoscenza ecc.) che mette sempre più a rischio anche la possibilità stessa di godere dei propri beni privati e, nello stesso tempo, da una carente e incompleta presenza di sistemi di regole e di istituzioni in grado di garantire la fornitura di questi beni.
Nel contesto del mondo globalizzato e interdipendente, e della crisi che rischia di travolgerlo, è ormai sempre più evidente che il solo livello istituzionale nazionale è inadeguato e impotente e che la fornitura dei beni pubblici a livello sovranazionale, europeo e globale, è la risposta urgente e necessaria a tale crisi. La costruzione di una nuova democrazia multilivello in grado di garantire, in modo legittimato ed efficace, i beni pubblici “dal locale al globale” è dunque la prospettiva non più utopica ma del tutto “realistica” che il XXI secolo pone di fronte a tutti noi.

Si prega di dare conferma della partecipazione al seguente recapito:
Movimento Federalista Europeo
Via Schina, 26 – 10144 Torino – Tel/Fax: 011-4732843
[email protected]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.