Chi va piano va sano e va lontano?

da L. Mercalli, Prepariamoci, chiarelettere, Milano 2012

L’automobile non è una dea. È un mezzo di trasporto per spostarsi da un punto A a un punto B. È pure piena di difetti: inquina, costa è pericolosa per sé e per gli altri e quando prende il sopravvento sull’uomo devasta il territorio e la socialità, arrivando a uccidere. Eppure la velocità media su tutto il percorso effettuato in più anni, letta sul computer di bordo della mia auto, non arriva a 50 km/h (circa 10 volte quella a piedi) anche se quando si va in autostrada per qualche ora si ha l’impressione di andare forte!

Ivan Illich, sociologo e filosofo, ha calcolato che se aggiungiamo anche il tempo di lavoro per acquistarla e mantenerla, alla fine tanto varrebbe muoversi a piedi, perché la velocità media scende a valori pari alla marcia umana. (p. 120)

La guida è diventata un’arte, sfruttando le discese, evitando di toccare i freni, anticipando le manovre altrui, accelerando con dolcezzza: su strade tranquille a 90 km/h, il consumo medio scende a 25 km/litro, un’altra piccola soddisfazione quotidiana, meno sold ai petrolieri, meno CO2 e particolato nell’aria, meno rischio di incidente. Passare dauna velocità di 120 km/h a 110 km/h permette un risparmio teorico di carburante superiore al 10 per cento, e su 100 km fa impiegare solo 4,5 minuti in più! Negli Stati Uniti questi automobilisti coscienziosi si chiamano «hypermilers». (p. 121)

1 commento
  1. Isabella
    Isabella dice:

    E perchè costruiscono le auto che vanno a 300 km all'ora quando il limite per legge è di 130 e in altre nazioni anche meno? Ci dovrebbero essere leggi in proposito ma la stupidità umana non ha limiti…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.