La bella, la bestia e l’umano – Recensione di Loredana Arcidiacono

Annamaria Rivera, La bella, la bestia e l’umano. Sessismo e razzismo senza escludere lo specismo, Edizioni Ediesse, Roma 2010, pp. 196, € 12.00

Mai come in questo ultimo periodo la morale ed il ruolo delle donne è stato così tanto al centro dell’attenzione. Trent’anni dopo l’uscita di “Dalla parte delle bambine” di Elena Gianini Benotti e sessantadue dopo “Il secondo sesso” di Simone de Beauvoir, la naturale superiorità maschile non sembra essere ancora stata messa veramente in discussione.

Dove cercare i colpevoli?

Perché mai proprio le donne sono divenute oggetto di dominio, oppressione e discriminazione?

Con questo volume, il primo di una collana che ha come argomento il rapporto tra corpo, sesso e razza, Annamaria Rivera con una visione “larga” mette a tema un nodo cruciale sui nessi tra sessismo, razzismo e specismo.

E’ uno studio non tanto delle oppressioni sulle minoranze come manifestazione, ma piuttosto verso la comprensione di quei fenomeni che hanno portato a trasformare disuguaglianze storiche e sociali in differenze essenziali, naturali e perciò immutabili e di come l’invenzione delle razze umane ci ha portato a immaginare l’umanità divisa in unità biologicamente distinte. O di come le credenze sulle differenze di carattere tra maschio e femmina hanno imprigionato il naturale sviluppo delle “qualità umane” e hanno inciso sulla realtà sociale fino a modificarla.

Forse è la cultura e non la biologia a formare le personalità individuali?

(Pubblicata sulla Newsletter n. 9/2011 di giovedì 10 marzo 2011)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.