Francine Prose – Anne Frank. La voce dell’Olocausto

Francine Prose, Anne Frank. La voce dell’Olocausto, Castelvecchi, Roma 2011, p. 284

Nel giugno del 1942, appena un mese prima di essere costretta a nascondersi insieme alla sua famiglia nel tentativo di scampare alla persecuzione nazista, Anne Frank aveva ricevuto in dono un diario in occasione del suo tredicesimo compleanno: un diario che, pagina dopo pagina, non avrebbe soltanto documentato la vita segreta di una famiglia ebraica nel corso della guerra, ma sarebbe diventato anche uno dei libri più letti e più importanti della storia contemporanea. Merito, come dimostra l’approfondita analisi di Francine Prose, della stessa Anne Frank che, negli ultimi mesi passati nel rifugio di Amsterdam, sottopose il suo lavoro a un’accurata revisione, nella consapevolezza di lasciare ai posteri un’opera letteraria e non una semplice testimonianza storica.

(Pubblicato sul n. 2011/07 del 24 febbraio 2011 della Newsletter del Centro Studi Sereno Regis)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.