Shopping? No, grazie. Io swapping!

Ho scoperto che lo swap è un termine mutuato dalla finanza e consiste nello scambio tra due controparti. Va annoverato tra i più moderni strumenti di finanziamento delle imprese. Più precisamente SWAP è un acronimo composto da quattro parole: Shared Wireless Access Protocol che più o meno letteralmente significano: Protocollo di accesso condiviso senza filo. Che ce ne importa? Direte voi. Ce ne importa perché in via dei Mille 38/a, a Torino funziona un «punto SWAP», dove – come recita il biglietto da visita – «non accumulo, non butto, ma (s)cambio vestiti». Basta portare almeno tre capi di abbigliamento o accessori usati – ma puliti e in buono stato – e portarsene a casa altrettanti, senza spendere nemmeno un centesimo. Per partecipare è sufficiente iscriversi, la tessera costa 5€ e dà accesso illimitato all’area swap del negozio (che tra l’altro è molto particolare, si chiama «Blow up», come il famoso film di Antonioni (e vende roba vintage, ma invece lo scambio non ha «moda», va bene qualsiasi cosa, e se hai portato 3 vestiti e non trovi niente che ti piace puoi tornare e ritornare finché non trovi quello che ti va a genio). Il negozio è aperto da martedì a sabato dalle 10,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 19,30 (tel. 011.837440; www.blow-up-one.com). Giacché pare davvero arrivata l’estate e finalmente possiamo fare il «cambio di stagione» negli armadi, è il momento ideale per non comprare altra roba da accumulare nei cassetti, ma anzi svuotarli e andare a guardare e…swappare!

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.