Pillola economica

Questa volta parliamo di cose serie, mica formiche e carillon: riporto quasi integralmente un articolo apparso su «Famiglia cristiana» (M. Gallelli, La pensione? La metto in bombe in «Famiglia cristiana», 14/2010, p. 20) a proposito delle banche e del perché consiglio di togliere i soldi da lì per metterli in una banca etica o simili.

Chi varca il tornello elettronico di una banca […] ha quasi sette probabilità su dieci di diventare finanziatore (ignaro) di un’azienda produttrice di armamenti. Il dato arriva da uno studio-pilota realizzato dall’Osservatorio sul commercio di armi (Os.C.Ar:) di Ires Toscana: «Da un’analisi condotta su 417 fondi italiani di investimento si è visto che 288 contengono azioni di aziende a produzione militare. Pertanto le probabilità di acquistare titoli di società di questo tipo è pari al 69%». […] Sono stati analizzati i primi 50 titoli in cui è investito ciascun fondo delle principali imprese di gestione del risparmio dei 15 gruppi bancari italiani più importanti. «Ognuno dei fondi», dice la coordinatrice [della ricerca che sarà presentata a Terra futura, Firenze 28-30 maggio p.v., NdR] «è stato poi incrociato con le prime 100 aziende a produzione militare censite dal Sipri (Stockholm international peace research institute)». Dai rendiconti emerge che, all’attuale stato dele indagini, tra i gruppi bancari il primo posto psetta a UniCredit con 478.058 milioni di euro investiti in aziende produttrici di armi; poi Mediolanum con 207.989 milioni di euro, Intesa Sanpaolo con 189.365 milioni di euro. E tra i produttori, rivela lo studio, non mancano munizioni a grappolo, armi nucleari.

E una volta che lo abbiamo saputo che fare? È abbastanza semplice: ci informiamo riguardo a Banca Etica, Mutua Auto Gestione, Poste Italiane, e altre realtà dove si possano tenere i soldi. E poi li spostiamo lì, con tutte le operazioni connesse: non ci sono scuse, ormai ovunque si possono fare bonifici, ricevere pagamenti, pagare spese condominiali, pagare l’affitto ecc.; molti se non tutti gli sportelli di banche «altre» hanno il bancomat… insomma, non diamo per scontato che i soldi si possano tenere solo in banca perché abbiamo sempre sentito così e visto fare così. Ricordiamoci di Rodari e del suo Grammatica della fantasia, cambiamo le idee che abbiamo sulle cose! Il pacifismo si pratica anche con il denaro.

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.