Cinema | Soggetti Pericolosi | Recensione di Fabrizio Caridi

Anatomia dell’ambiguità nella definizione di pericolo secondo lo Stato italiano oggi. Un film documentario di Stefania Pusateri, Valentina Salvi, durata 1 ora 26′, produzione indipendente, 2020 Una ricerca di responsabilità: il fermo immagine iniziale di Soggetti Pericolosi. Il documentario indaga il processo di scelta che portò i protagonisti a sostenere il movimento di Unità di … Continua

Documentario | Soggetti pericolosi – Replica

Un documentario di Stefania Pusateri e Valentina Salvi che intende restituire una narrazione pulita, coerente e reale a una Storia che vale la pena di essere raccontata. Il film intende analizzare le ambiguità nella definizione di “pericolo” secondo lo Stato italiano che oggi, attraverso le azioni della Procura di Torino, intende censurare la possibilità di … Continua

Documentario | Soggetti pericolosi – Prima nazionale

Un documentario di Stefania Pusateri e Valentina Salvi che intende restituire una narrazione pulita, coerente e reale a una Storia che vale la pena di essere raccontata. Il film intende analizzare le ambiguità nella definizione di “pericolo” secondo lo Stato italiano che oggi, attraverso le azioni della Procura di Torino, intende censurare la possibilità di … Continua

Pericolosi per chi? Dalla guerra all’Isis in Siria alla difesa dei diritti in Italia

Intervengono: Maria Edgarda Marcucci, Jacopo Bindi, Fabrizio Jak Maniero, Davide Grasso Modera: Enzo Ferrara, vice presidente del Centro Studi Sereno Regis Da gennaio, la procura di Torino valuta l’applicazione di misure restrittive per chi è partito dall’Italia per combattere l’Isis e difendere le popolazioni civili e nella regione del Rojava/Siria del nord. Questa vicenda non … Continua

Sguardi sulla guerra. Incontro con Davide Grasso

Tre autori, tre libri, tre prospettive diverse sullo stesso tema. Davide Grasso, autore  del libro “Hevalen. Perché sono andato a combattere l’ISIS in SIria” pubblicato dalle Edizioni Alegre nel 2017, dialoga con Enzo Ferrara, vice-presidente del Centro Studi Sereno Regis. Rojava. In curdo vuol dire “ovest”, ma per arrivarci dobbiamo andare verso est, giungere nelle terre che … Continua