Finirla con il monopolio maschile sulla pace: alle donne ci vogliono altri posti al tavolo | Shaheen Chughtai

Che siano prese di mira da autori di violenza sessuale, oppresse da estremismi ideologici, o unicamente minacciate dal bombardamento di unità operative nelle maternità ospedaliere, le donne sopportano sovente l’impronta greve dei conflitti. Eppure, quando si tratta poi di negoziati di pace, troppo spesso le donne non hanno un posto al tavolo. La realtà perdurante … Continua

Yemen: porre fine al blocco, evitare la fame | Chandra Muzaffar

La minaccia di una carestia di massa in Yemen è reale come sempre — nonostante la riapertura del porto di Aden e dell’attraversamento via terra di Wadea al confine saudi-yemenita. Non è abbastanza, secondo l’Ufficio ONU per l’Aiuto Umanitario (OCHA). Il blocco di tutti i porti, specialmente Hodeida, dovrebbe venir tolto immediatamente. Gran parte degli … Continua

Per un’indagine sui crimini di guerra in Yemen. L’appello a Paolo Gentiloni

Gentiloni all’ONU sostenga la proposta di una indagine internazionale indipendente sui crimini di guerra in Yemen. L’appello al Presidente del Consiglio di reti ed organizzazioni italiane fa seguito al terzo voto del Parlamento Europeo a favore di un embargo delle forniture di armi all’Arabia Saudita Mentre lo Yemen continua ad essere dilaniato da un conflitto armato … Continua

Pace-Sviluppo-Ambiente: integrati? | Johan Galtung

Accademia per la Pace, lo Sviluppo e l’Ambiente di Hardanger, 30 luglio 2017 Questi sono gli obiettivi delle Nazioni Unite; l’Accademia di Hardanger nella piccola Jondal, Norvegia (popolazione di ca.1150) li ha resi tre centri d’interesse. È sorto il problema: che cos’hanno in comune? Sono tre aspetti della stessa cosa? Se così, quale “cosa”? Si … Continua

Gerusalemme: Bisogna rispettare il diritto internazionale

Nel 1945 l’organizzazione delle nazioni unite (ONU) è nata per promuovere il diritto internazionale e la risoluzione pacifica dei conflitti. L’autodeterminazione dei popoli è uno dei principi base che caratterizzano la carta delle nazioni. Sappiamo perfettamente che passare dalla carta alla realtà non è cosa semplice né immediata. E’ però vero che, seppur con le … Continua

Mettere al bando in tutto il mondo le armi nucleari ora è possibile | Francesco Vignarca

Pace. All’Onu grande successo della comunità civile internazionale e di 122 paesi «disarmisti». Prossimo passo le ratifiche nei vari stati e l’eliminazione totale delle 15.000 testate esistenti   Ogni passaggio di diplomazia multilaterale sulla strada del disarmo è importante e apre nuove speranze, ma l’emozione vissuta lo scorso 7 luglio nella Sede delle Nazioni Unite … Continua

Luci e ombre sulle armi nucleari | Manlio Dinucci

Trattato Onu. Si deve pretendere che l’Italia osservi il Tnp, definito dal governo «pilastro del disarmo», ossia pretendere la completa denuclearizzazione del nostro territorio nazionale In base a tale consapevolezza, i 122 stati che l’hanno votato si impegnano a non produrre né possedere armi nucleari, a non usarle né a minacciare di usarle, a non … Continua