Libia. Nella nuova guerra il fallimento della Nato | Alberto Negri

Caos libico. Le «Nato» sono tre: una originale, alquanto in ribasso, una «araba», corrispondente al maggiore mercato di armi americano e occidentale e una «operativa», a direzione israeliana, dotata di armi nucleari, un’aviazione sempre in attività per tenere a bada l’Iran in Siria e aiutare il generale egiziano Al Sisi in Sinai Settant’anni e li dimostra … Continua

Riccardo Gatti di Open Arms: l’obiettivo dei governi è far calare il silenzio su ciò che succede nel Mediterraneo e in Libia

09.04.2019 – Redazione Pressenza Italia Durante l’incontro nazionale di Pressenza al Monastero del Bene Comune di Sezano, vicino a Verona, Riccardo Gatti di Open Arms si è collegato da Barcellona in una videoconferenza, descrivendo la situazione attuale dei soccorsi nel Mediterraneo e rispondendo alla domande dei partecipanti. Riportiamo qui una sintesi del suo intervento.  Al momento regna un silenzio informativo … Continua

La Libia nel caos 7 anni dopo la ‘liberazione’ NATO, ma a chi importa? | Neil Clark

La Libia resta un paese senza legge, con milizie rivali che combattono battaglie per le strade di Tripoli e oltre 1 milione di persone che necessitano di aiuto. Ma gli ‘interventisti liberali’ dell’ Occidente non s’interessano alla catastrofe da loro creata. “A centinaia evadono di prigione fra scontri mortali a Tripoli” recitava un titolo sul … Continua

Un’Italia sovranista senza sovranità | Manlio Dinucci

Il polverone politico-mediatico sollevato dallo scontro tra «europeisti» e «sovranisti» nasconde quella che invece è la realtà: un europeismo senza Europa e un sovranismo senza sovranità. A innalzare strumentalmente la bandiera dell’europeismo è in questo momento il presidente Macron, per far avanzare la potenza francese non solo in Europa ma in Africa. La Francia, promotrice … Continua

Siamo sulla strada sbagliata, occorre urgentemente una nuova politica di pace per il Mediterraneo

Siamo sulla strada sbagliata. La competizione tra Italia e Francia, con Russia, Cina, Turchia, Arabia Saudita, Qatar ed Iran, a tessere le proprie trame per prenotare nuovi contratti e forniture o per re-installare una presenza militare nelle frontiere interne africane, è una strada sbagliata e molto pericolosa. Manca una strategia di ricomposizione del complesso tessuto comunitario e sociale … Continua

La Ue abbandona i profughi. È tempo di gridare «No» | Don Mussie Zerai*

Il blocco per le navi delle Ong a 97 miglia dalle coste africane, ordinato dal Governo di Tripoli con il plauso dell’Italia e dell’Unione Europea, chiude il cerchio di quella che appare quasi una guerra contro i migranti nel Mediterraneo. La situazione dei soccorsi ai battelli carichi di profughi che chiedono asilo e rifugio in … Continua

Violenza, guerra: una causa o un sintomo? | Johan Galtung

Conferimento della laurea Honoris Causa, Universidad Madrid Complutense, 27 gennaio 2017 Illustre Rettore, egregia Giuria, ricevo questo grande onore attribuitomi con profonda gratitudine e orgoglio, promettendo di cercare di esserne all’altezza. Condividerò ora con voi qualche parola su come fui avviato all’attività per cui voi ora mi onorate, cioè gli studi sulla pace e la pratica … Continua