Tirocinio Curricolare per studenti di Architettura | Progettazione partecipata a Venaria

LIVELLO FORMATIVO Corsi di Laurea di II livello (specialistica/magistrale – 2 anni successivi al conseguimento della laurea di I livello) e Vecchio Ordinamento (5 anni)

TITOLO DI LAUREA ARCHITETTURA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE

AZIENDA A2441 – CENTRO STUDI SERENO REGIS

COD 17434 TITOLO Percorso di progettazione partecipata con i cittadini del Comune di Venaria Reale

DESCRIZIONE ATTIVITA’ SVOLTE DALL’AZIENDA Il Centro Studi Sereno Regis è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) che promuove programmi di ricerca, educazione e azione sui temi della partecipazione politica, della difesa popolare nonviolenta, dell’educazione alla pace e all’interculturalità, della trasformazione nonviolenta dei conflitti, dei modelli di sviluppo, delle energie rinnovabili e dell’ecologia. Il Centro Studi è stato costituito nel 1982.

Dal 2014 al 2017 ha facilitato il processo del Bilancio Partecipativo presso un altro comune della cintura torinese.

L’amministrazione di Venaria ha deciso, dal 2017 con una delibera comunale di rendere “partecipativo”, per il momento a livello sperimentale, una piccola porzione del bilancio comunale imputato all’investimento in opere pubbliche (in particolare arredo urbano, parchi e giardini e opere per l’attivazione di politiche culturali e sociali). In particolare un certo numero di persone residenti nei comune, estratte a sorte dalle liste anagrafiche, sviluppano, con l’aiuto degli esperti e degli uffici tecnici dei progetti di opere pubbliche negli ambiti di cui sopra di cui ritengono prioritaria la realizzazione sul proprio territorio. I progetti così sviluppati vengono in una seconda fase votati dalla cittadinanza e, il più votato, inserito nel bilancio per l’anno seguente. I cittadini diventano così analisti dei bisogni del territorio e progettisti popolari di opere pubbliche mettendo a disposizione la propria conoscenza ed esperienza del territorio a servizio dei bisogni di tutta la comunità. Il processo del bilancio partecipativo permette di attivare degli strumenti di ascolto dei bisogni, rieducare ad una partecipazione attiva alla politica, intesa nel senso più ampio come discussione e gestione della vita pubblica, dirottare le risorse verso i bisogni che vengono realmente percepiti dai cittadini, in un territorio ben delimitato, nelle modalità che i cittadini stessi riterranno più opportune, per questo motivo è un processo che ha valore in sé, anche per i progetti alla fine non votati dalla popolazione ma che verranno in qualche modo recepiti e, se possibile, realizzati dall’amministrazione.

DESCRIZIONE ATTIVITA’ PREVISTE NEL TIROCINIO  Il tirocinante sarà impegnato nelle seguenti attività: -Acquisirà una formazione sulle modalità di ascolto attivo e mediazione -Acquisirà una formazione sul tema della democrazia partecipativa in generale e del bilancio partecipativo in particolare -Acquisirà una formazione sulle modalità di facilitazione dei gruppi -Partecipazione agli incontri organizzativi del bilancio partecipativo -Co-progettazione con i cittadini di opere sul territorio partendo da un’esplicitazione dei bisogni da parte degli stessi cittadini -Restituzione grafica dell’idea progetto sviluppata dai cittadini stessi in dialogo fra loro -Valutazione di fattibilità dell’idea progettuale da un punto di vista economico e normativo -Partecipazione alle assemblee pubbliche di presentazione delle idee sviluppate dai cittadini. -Elaborazione di approfondimenti sul contributo della progettazione partecipata ai processi di democrazia partecipativa -Organizzazione di momenti di approfondimento aperti al pubblico sul tema della progettazione partecipata

ALTRI REQUISITI RICHIESTI Nessuno

EVENTUALI FACILITAZIONI I trasporti da Torino a Venaria  sono coperti dall’ Associazione Centro Studi Sereno Regis

LUOGO DI SVOLGIMENTO via Garibaldi 13 TORINO (TO)

CONTATTO AZIENDA Enzo Gargano
email  [email protected]

N° POSIZIONI 1. Scadenza per la presentazione delle candidature: 23 febbraio 2018 sul sito del Politecnico di Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *