CINETICA 2015/2016 | Seconda stagione


/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2015/12/logo CINETICA 750

da Memorie a Mondovisioni – i documentari di Internazionale
dal 9 Novembre 2015 al 25 Maggio 2016
CineTeatro Baretti – Cecchi Point – Hub multiculturale
Centro Studi Sereno Regis Sala Gabriella Poli @Torino
Ingresso 3,50 Euro – ridotto 2,50 Euro

Dopo la fortunata esperienza della prima stagione di CINETICA – la rete delle sale indipendenti della città, lunedì 9 Novembre alle ore 21,00 presso la sala del CineTeatro Baretti si inaugurerà il programma 2015/2016 con la proiezione del film Memorie, in viaggio verso Auschwitz di Danilo Monte (2014, 76?) alla presenza dell’autore in sala; il film, presentato in anteprima all’ultimo Torino Film Festival, ha vinto il Premio Avanti al TFF 2014 e il Premio miglior film a Lo spiraglio – Film Festival della salute mentale Roma 2015, il film verrà replicato mercoledì 11 Novembre alle ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale. L’ingresso intero è di 3,50 Euro, ridotto 2,50 Euro (under 25, over 65 e Aiace).

CINETICA è un progetto nato con lo scopo di diffondere il cinema documentario di qualità, rendendolo sempre più vicino e a disposizione del pubblico cinematografico e della cittadinanza. Il CineTeatro Baretti, il Cecchi Point – Hub Multiculturale e iCentro Studi Sereno Regis, contesti culturali da tempo dedicati alla promozione del cinema indipendente, dall’anno scorso hanno unito le loro idee e forze per raggiungere le sinergie derivanti da una collaborazione sostenibile per una distribuzione diffusa del cinema del reale a Torino. 

Dalla rete CINETICA sono nate sinergie, condivisioni, collaborazioni che producono una rassegna di altissimo livello, ma non è tutto qui – dichiara Cristina Voghera dell’Associazione Baretti – si sono sviluppate relazioni importanti da cui derivano confronti che vanno oltre la programmazione e che arricchiscono profondamente ciascuna delle realtà coinvolte: questo è sicuramente il valore aggiunto non valutabile sulla base dei soli dati oggettivi raccolti, ma che viene vissuto e sentito quotidianamente. CINETICA al momento vede impegnate tre realtà, crediamo però che i risultati ad oggi conseguiti convincano altri attori del territorio ad unirsi, presto, al progetto.

Credo che la sfida di CINETICA di portare i documentari in sala sia molto coraggiosa e sono quindi orgoglioso di poterne inaugurare la programmazione per il secondo anno consecutivo. La proiezione dell’anno scorso di Ottopunti, il mio film precedente, è stata una scommessa: nessuno sapeva ancora come avrebbe reagito il pubblico alle proiezioni del film in 3 sale diverse nella stessa settimana, a Torino. La scommessa è stata certamente vinta e le sale sono sempre state piene. Quest’anno ritorno quindi ad inaugurare CINETICA con il mio ultimo film Memorie, in viaggio verso Auschwitz, un documentario che dopo aver girato nei principali festival italiani, vincendo diversi premi, inizia ora la distribuzione nelle sale italiane. Cinetica rappresenta quindi una possibilità di diffusione fondamentale per quei documentari indipendenti che, come il mio, attendono solo di essere visti per essere scoperti. Danilo Monte

Dopo il complesso percorso familiare e psicologico di Memorie il programma di CINETICA proseguirà nel mese di Dicembre con la proiezione di Gente dei bagni di Stefania Bona e Francesca Scalisi che ci racconterà un altro tipo di intimità attraverso la comunità che frequenta i bagni municipali di Via Bianzè a Torino. Nel 2016 inizierà la collaborazione tra CINETICA e Mondovisioni – i documentari proposti dalla rivista Internazionale attraverso la proiezione di cinque documentari in anteprima regionale che raccontano questioni e urgenze della nostra contemporaneità: a Gennaio si approfondiranno le difficili condizioni della stampa e del fare informazione libera in un paese come l’Iran grazie a We are journalists di Ahmad Jalali Farahani. A Febbraio voleremo in Sud America con Life is sacred di Andreas M. Dalsgaard per scoprire l’incredibile avventura sociale e politica di Antanas Mockus, candidato alle elezioni presidenziali in Colombia nel 2010. Nel mese di Marzo la proposta sarà dedicata al tema più attuale di questo contesto storico, ovvero il dramma dell’immigrazione dall’Nord Africa all’Europa raccontato da Cécile Allegra e Delphine Deloget in Voyage en Barbarie. Ad Aprile il nostro sguardo raggiungerà il confine tra il Messico e gli Stati Uniti, uno dei territori più simbolici del nostro presente, con il documentario Cartel Land di Matthew Heineman. CINETICA concluderà la sua seconda stagione a Maggio con (T)error di Lyric R. Cabral e David Felix Sutcliffe il primo documentario a seguire dall’interno una operazione anti-terrorismo dell’FBI negli Stati Uniti.

CINETICA è un progetto curato e condiviso da: Associazione BarettiAssociazione Museo Nazionale del CinemaAssociazione VideocommunityCentro Studi Sereno Regis con la collaborazione di CineAgenzia e Aiace Torino. Tutte le novità e gli aggiornamenti sulle attività di CINETICA si potranno leggere sull’Agenda del Cinema a Torino (www.agendacinematorino.it/), media partner del progetto insieme a CinemaItaliano.info (http://cinemaitaliano.info/). Nel corso della stagione verranno organizzate proiezioni speciali, mentre i film in programma sono a disposizione per proiezioni mattutine e pomeridiane per le scuole del territorio nelle sale di CINETICA, per prenotarsi scrivere a [email protected]m

Luoghi e contatti:
CineTeatro Baretti, Via Baretti 4, Torino – www.cineteatrobaretti.it
Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Cecchi 17/21, Torino – www.cecchipoint.it
Sala Gabriella Poli – Centro Studi Sereno Regis, Via Garibaldi 13, Torino – serenoregis.org

Tariffe:
Intero 3,50€ – Ridotto 2,50€ (under 25, over 65 e Aiace)

Per maggiori informazioni: [email protected]m – 347 56 46 645


I film in programma della stagione 2015/2016:

Lunedì 9 Novembre ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 11 Novembre ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale

MEMORIE_in-viaggio-verso-Auschwitz005MEMORIE, IN VIAGGIO VERSO AUSCHWITZ di Danilo Monte (Italia 2014, 76′), l’autore sarà presente in sala.

Roberto è appassionato di storia, in particolare del periodo della Seconda Guerra Mondiale. La sua vita è stata segnata dalla droga, dalla comunità e dal carcere, ma anche dai film e dalla lettura. Per il suo trentesimo compleanno, il fratello gli regala un viaggio lento, in treno, verso una meta diversa dai soliti percorsi turistici. Un viaggio verso Auschwitz, un cammino a ritroso per ritrovare le radici del loro legame. Il film ha vinto il Premio CinemAMoRe al Trento Film Festival, il Premio come Miglior documentario italiano al XV Rome Independent Film Festival e il Premio della Giuria al Mediterraneo Video Festival.

Mio fratello è un grande appassionato di storia, in particolare di seconda guerra mondiale. Da qualche anno parliamo poco, mai in profondità. La sua vita? Droga, comunità, carcere, film e libri. Un giorno non resisto più e gli dico: “Per il tuo trentesimo compleanno ti porto ad Auschwitz. Sarà un viaggio lento, in treno, per ricominciare a parlare… e filmo tutto”. In viaggio si ride, si urla e si piange, ma soprattutto si parla… e alla fine si arriva. Auschwitz diventa quindi la meta di un percorso a ritroso nel tempo, scandito da vecchie riprese di famiglia. Nel luogo dell’anti umanità riusciamo a toccare la nostra umanità più autentica e profonda. Danilo Monte


Mercoledì 9 Dicembre ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Giovedì 10 Dicembre ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Venerdì 11 Dicembre ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2015/11/bagni municipali

GENTE DEI BAGNI di Stefania Bona e Francesca Scalisi (Italia 2015, 59′), saranno presenti le registe in sala.

Un edificio di mattoni rossi, con una grande scritta al neon: BAGNI. Sono gli ultimi bagni municipali di Torino, un microcosmo di storie che s’incrociano in uno degli aspetti più intimi della vita di ognuno: la pulizia del proprio corpo. Luogo di incontri tra categorie sociali un tempo molto distinte, luogo di scontri in cui la povertà può prendere la forma della rabbia. Luogo prezioso, perché accanto alla povertà si manifesta anche la condivisione e l’ascolto.

Per noi è un’esigenza rappresentare l’attualità e raccontare storie che ci sono vicine. La scoperta dell’ultimo bagno pubblico di Torino, città dove una di noi due risiede, ci ha subito portato a identificarlo come luogo privilegiato per descrivere un mondo spesso invisibile e scomodo ma sempre più diffuso, quello della povertà e della crisi. Era importante dare voce a questo particolare microcosmo, capace di riflettere il mondo esterno in un caleidoscopio di storie e di universi e di sovvertire gli stereotipi del mondo “al di fuori”, sostituendo il concetto di Stato con quello di comunità. In questa particolare dimensione dove culture diverse s’incontrano durante uno dei momenti più intimi e privati dell’uomo, la pulizia del proprio corpo, il lavarsi diviene metafora dell’atto del purificarsi dalle fatiche e dalle ingiustizie, permettendo alla “gente dei bagni” di riscoprirsi essere umani. (Stefania Bona e Francesca Scalisi)


Lunedì 11 Gennaio ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 13 Gennaio ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 15 Gennaio ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

we-are-journalists-still-4-just-run copia 2WE ARE JOURNALISTS di Ahmad Jalali Farahani (Danimarca/Iran, 2014, 85′), anteprima piemontese.
Il sofferto percorso attraverso un decennio di lotta dei giornalisti iraniani per sopravvivere e lavorare sotto il governo di Ahmedinejad, oltre la speranza delusa della rivoluzione verde del 2009. Il regista è lui stesso un giornalista, in esilio dopo essere stato perseguitato e torturato dal regime. Il film rivela non solo le sue sofferenze personali in una instancabile lotta per la libertà di espressione, ma anche la situazione di tanti suoi colleghi: quelli che hanno perso lavoro e sostentamento in seguito alla chiusura dei loro giornali, e quelli che da un esilio forzato continuano a battersi per la libertà e democrazia nel loro paese. Festival internazionali:CPH:DOX, Thessaloniki Documentary Festival.


Lunedì 8 Febbraio ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 10 Febbraio ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 12 Febbraio ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2016/01/life is sacred 02

LIFE IS SACRED di Andreas M. Dalsgaard, (Danimarca/Irlanda/Norvegia/Colombia, 2014, 104′), anteprima piemontese.
Per decenni abbiamo sentito parlare della Colombia per i suoi signori della droga, guerriglieri, paramilitari e governanti corrotti. Ma il paese ha anche un altro volto, quello di chi lavora duramente e combatte per una vera democrazia, come Antanas Mockus, leader eccentrico e senza paura che usando mimi, matite, flashmob e costumi da supereroe, ha dichiarato guerra a ingiustizie e violenza. Del suo pacifico esercito di giovani seguaci fa parte Katherin, che però scoprirà che cambiare una società contaminata dall’illegalità è molto più difficile di quanto credesse. Un film che vuole aprire un dibattito su moralità e politica, non solo in Colombia. Festival internazionali: CPH:DOX, Miami, Human Rights Watch.


Lunedì 7 Marzo ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 9 Marzo ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 11 Marzo ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

VOYAGE EN BARBARIE di Cécile Allegra e Delphine DelogetVOYAGE EN BARBARIE di Cécile Allegra e Delphine Deloget (Francia, 2014, 72′), anteprima piemontese.
Il Sinai è diventato teatro di una vera tratta degli schiavi: a partire dal 2009 50mila eritrei sono passati da qui, e 10mila non ne sono mai tornati. Giovani, di buona famiglia, cristiani, in fuga da una dittatura, vengono rapiti durante la marcia verso il Sudan e torturati da beduini che non hanno che un obiettivo: ottenere un riscatto dalle famiglie, come conferma l’intervista senza precedenti a uno di loro. Tre sopravvissuti ci consegnano la loro testimonianza: Germay, rifugiato al Cairo, e Robel e Haleform, che hanno ottenuto asilo in Svezia. Le loro voci sono le prime a svelare una vicenda avvolta dal silenzio, l’ennesimo dramma sulle rotte della migrazione. Festival internazionali: Prix Albert Londres, New York City International Film Festival.


Lunedì 11 Aprile ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 13 Aprile ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 15 Aprile ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

CARTEL LAND di Matthew HeinemanCARTEL LAND di Matthew Heineman (Messico/Stati Uniti, 2015, 98′), anteprima piemontese.
Un’immersione nella violenza del narcotraffico in Messico attraverso le vicende di due moderni gruppi di vigilantes alle prese con un nemico comune: i sanguinari cartelli della droga. Nello stato di Michoacán il dottor Jose Mireles guida gli Autodefensas, una milizia di cittadini che si sono ribellati ai Cavalieri Templari, il cartello di trafficanti che da anni semina il terrore nella regione. Nel frattempo in Arizona, in un lungo e stretto tratto di deserto noto come “Cocaine Alley”, il veterano Tim “Nailer” Foley guida il gruppo paramilitare Arizona Border Recon, il cui obiettivo è impedire al conflitto di espandersi oltre confine. Festival internazionali: Sundance, Tribeca, Sheffield, Human Rights Watch, AFI.


Venerdì 22 Aprile ore 21 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2015/12/nemico islam Nouri Bouzid detour

NEMICO DELL’ISLAM. Un incontro con Nouri Bouzid di Stefano Grossi (Italia, 2015, 77′). Sarà presente il regista in sala.

Nouri Bouzid è il più importante regista tunisino. Ha raccontato nei suoi film tutto ciò che sembra impossibile raccontare dall’interno di un paese arabo: omofobia, tortura, prigionia politica, repressione, patriarcato, integralismo religioso, antisemitismo, patologie sessuali. Non ha trascurato nulla, senza dimenticare che nel cinema (come nella vita) lo stile è la cosa più importante: e che le storie che stanno a cuore bisogna raccontarle in modo prodigioso, perché chi guarda non desideri guardarne altre. Miglior Film Detour on the Road Film Festival 2015. Menzione speciale Visioni Italiane Bologna 2016. Selezione Ufficiale Al Ard Doc Film Festival 2016


Lunedì 2 Maggio ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 4 Maggio ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 6 Maggio ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2015/12/TERROR di Lyric R. Cabral e David Felix Sutcliffe

(T)ERROR di Lyric R. Cabral e David Felix Sutcliffe (Stati Uniti, 2015, 93′), anteprima piemontese.
Il primo documentario a seguire dall’interno una operazione anti-terrorismo dell’FBI, per rendere conto dello stato attuale della War on Terror contro l’islamismo radicale, attraverso una vicenda paradossale che sembra più partorita dalla mente di uno sceneggiatore che pianificata dal Pentagono. Dal punto di vista di “Shariff”, 63enne afroamericano, ex-attivista diventato informatore, scopriamo le tattiche di indagine adottate dall’intelligence statunitense, e le torbide giustificazioni che le sostengono. Teso come un thriller, crudo e controverso, (T)error illumina la fragile relazione tra libertà individuali e sorveglianza totale nell’America d’oggi. Festival internazionali: Sundance, True/False, Tribeca, Hot Docs, Full Frame.


Lunedì 9 Maggio ore 21 al Centro Studi Sereno Regis
Martedì 10 Maggio ore 21 al Cecchi Point

SPONDE. NEL SICURO SOLE DEL NORD di Irene DionisioSPONDE. NEL SICURO SOLE DEL NORD di Irene Dionisio (Italia/Francia, 2015, 60′). Anteprima piemontese. Sarà presente la regista in sala.

Sponde è la storia dell’amicizia che nasce tra lo scultore e postino tunisino Mohsen e il becchino in pensione Vincenzo. Un giorno Mohsen, a Zarzis (Tunisia), cercando sulla spiaggia materiali per le proprie sculture, trova un corpo. Senza troppe domande decide di dare allo sconosciuto degna sepoltura, scatenando infinite polemiche nella propria comunità di origine e tra i sostenitori di Ben Alì. A Lampedusa, Vincenzo, assiste alla stessa epifania e prende la medesima decisione, sollevando le critiche della comunità religiosa che contesta l’uso delle croci per il seppellimento di uomini non cattolici. Poco dopo Vincenzo riceverà una lettera da un mittente sconosciuto che come lui ha scelto di dare sepoltura ai corpi senza nome arrivati dal mare in seguito alla Primavera Araba. I due uomini, Mohsen e Vincenzo, e il loro timido contatto ci parlano di un’umanità profonda che si confronta con l’osceno della storia attuale; le reazioni delle comunità di appartenenza raccontano, invece, della perenne lotta dell’uomo per la dignità, anche a costo dell’emarginazione.


Lunedì 23 Maggio ore 21 al Centro Studi Sereno Regis
Martedì 24 Maggio ore 21 al Cecchi Point
Mercoledì 25 Maggio ore 21 al CineTeatro Baretti

LUCEMIA di Lucio ViglierchioLUCEMIA di Lucio Viglierchio (Italia, 2015, 82′). Sarà presente il regista in sala.

Nella primavera del 2010 mi sono ammalato di Leucemia Mieloide Acuta. Oggi, dopo tre chemioterapie vissute in regime di isolamento ed alcuni mesi di cure, sono nel limbo che sta tra la remissione e la guarigione dalla malattia. Così ho deciso di affrontare la paura, tornare in reparto e cercare di ritrovare una parte di me. In questo mio cammino a ritroso, mi sono imbattuto in Sabrina. Lei era nelle stanze che mi avevano ospitato. Insieme abbiamo deciso di percorrere la sua battaglia, la nostra battaglia, uno appoggiato alla spalla dell’altro, bisognosi entrambi di confronto e conforto, alla ricerca di quell’attimo in cui si smette di essere pazienti e si torna esseri umani…

I commenti sono chiusi.